VENTO DI PASSIONI

Valutazione
Inaccettabile, Crudo
Tematica
Famiglia
Genere
Drammatico
Regia
Edward Zwick
Durata
133'
Anno di uscita
1995
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
LEGENDS OF THE FALL
Distribuzione
Columbia Tristar film Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Susan Shilliday, Bill Wittliff tratto dal libro di Jim Harrison
Musiche
James Horner
Montaggio
Steven Rosenblum

Sogg.: tratto dal libro di Jim Harrison - Scenegg.: Susan Shilliday, Bill Wittliff - Fotogr.: (panoramica/a colori) John Toll - Mus.: James Horner - Montagg.: Steven Rosenblum - Dur.: 133' - Produz.: Edward Zwick, Bill Wittliff, Marshall Herskovitz

Interpreti e ruoli

Anthony Hopkins (William Ludlow), Aidan Quinn (Alfred Ludlow), Brad Pitt (Tristan Ludlow), Henry Thomas (Samuel Ludlow), Julia Ormond (Susannah Finncannon), Gordon Tootoosis (Colpo di Pugnale), Karina Lombard (Isabel Due), Christina Pickles, Paul Desmond, Tantoo Cardinal, Robert Wisden, John Novak, Kenneth Welsh, Bill Dow, Sam Sarkar

Soggetto

il colonnello William Ludlow, deluso dal comportamento del governo degli Stati Uniti circa la soluzione della questione indiana, si è ritirato in un ranch di montagna con la famiglia per condurre un'esistenza autonoma di allevatore. Mentre la moglie non sopporta quella rude vita e lo lascia, egli alleva nelle sue idee i tre figli: Alfred il maggiore, è il più avveduto; Tristan, il secondo, si distingue per temerarietà e ferocia; il terzo, Samuel, è romantico e generoso e l'arrivo della sua fidanzata, Susannah Finncannon, sconvolge la famiglia. Alfred e Tristan s'innamorano della giovane; poi i tre fratelli partono per la Grande Guerra in Europa, dove Samuel muore ad Ypres tra le braccia di Tristan. Al suo ritorno, questi si mette con Susannah strappandola ad Alfred: ma, irrequieto, sparisce dedicandosi ad una vita selvaggia. Quando torna, trova il padre colto da un ictus e Susannah, cui ha scritto di dimenticarlo. sposata ad Alfred, che ha rotto col padre ed è entrato brillantemente in politica. Tristan sposa così Isabel Due, una giovane meticcia e si ricongiunge con Colpo di Pugnale, fedele scout indigeno del padre, nonché suo maestro di caccia e di vita. Padre felice, Tristan si mette nel contrabbando di liquori, ed il fratello Alfred lo salva più volte dall'arresto. Ma ad un blocco della polizia un agente spara uccidendo involontariamente Isabel, colpita di rimbalzo. Tristan assale il poliziotto e finisce in galera, dove Susannah lo va a trovare, sempre innamorata. Liberato, Tristan organizza la vendetta, uccidendo l'assassino di Isabel. Susannah, sconvolta, si uccide mentre Tristan è costretto a fuggire. Poi i poliziotti si presentano alla fattoria: Alfred, che è giunto ad avvisare i familiari, spara al comandante della polizia che sta per uccidere il padre, intervenuto per difendere Tristan. Sepolti i corpi e fatte sparire le tracce, Tristan si allontana e dopo molti anni termina la sua vita randagia nei boschi ucciso da un orso.

Valutazione Pastorale

un film assai ambizioso per l'imponenza dell'ambientazione, veramente assai curata, e per le immagini sontuose, favorite dalla bellezza dello splendido paesaggio montano. Nonostante la profusione di mezzi e di validi interpreti tutto in questa pellicola ha le sembianze di telenovela: una saga familiare americana tragica e passionale con tre uomini che ruotano attorno alla stessa donna con continui rimescolii, alla ricerca esasperata del tragico e del patetico. Pastoralmente lascia più che perplessi sia per l'atteggiamento del padre e per conseguenza dei figli di fronte alla legge ed all'ordine costituito, con un preoccupante corredo di vendette ed assassini a sangue freddo (non ultimo quello di un poliziotto nell'esercizio delle sue funzioni, addirittura ad opera di un senatore in carica) sia per le situazioni disinvolte in rapporto ad una qualsiasi morale naturale.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film