1 KM DA WALL STREET

Valutazione
Accettabile, semplice
Tematica
Famiglia - genitori figli, Giovani, Lavoro, Potere
Genere
Drammatico
Regia
Ben Younger
Durata
105'
Anno di uscita
2001
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Boiler room
Distribuzione
Nexo
Musiche
The Angel
Montaggio
Chris Peppe

Orig.: Stati Uniti (2000) - Sogg. e scenegg.: Ben Younger - Fotogr.(Panoramica/a colori): Enrique Chediak - Mus.: The Angel - Montagg.: Chris Peppe - Dur.: 105' - Produz.: Suzanne Todd, Jennifer Todd.

Interpreti e ruoli

Giovanni Ribisi (Seth Davis), Vin Diesel (Chris), Nia Long (Abby Halperin), Ben Affleck (Jim Young), Nicky Katt (Greg), Scott Caan (Richie), Ron Rifkin (Marty Davis), Jamie Kennedy (Adam), Taylor Nichols (Harry), Bill Sage (drew), Tom Everett Scott (Michael)

Soggetto

Il 19enne Seth, dopo aver abbandonato gli studi al college, ha aperto una bisca clandestina nel suo appartamento del Queens. Gli affari andavano bene ma Seth, volendo conquistare il rispetto da parte del padre (un giudice), decide di non occuparsene più e di tentare qualcosa di legale, entrando nella J.T.Martin, una società di brokeraggio che gli promette una rapida carriera. L'ambiente gli sembra quello ideale per entrare a far parte del boom economico di quegli anni, ottenere ricchezza, successo e anche l'approvazione paterna. Con giacca e cravatta, di giorno e di notte, Seth attira tanti clienti e il suo conto in banca comincia a crescere. Esce spesso con i colleghi, tra cui Chris, broker miliardario, e Greg, arrogante e invidioso incaricato di insegnargli il mestiere. Dopo un po' frequenta anche Abby, la segretaria della società. Alcune operazioni non andate a buon fine, con conseguente danno per i clienti, lo inducono ad un certo punto a porsi delle domande: che cosa fa girare i soldi alla J.T.Martin?. Facendo un po' meglio attenzione, scopre che la ditta in realtà vende azioni di società che non esistono. Il padre gli dice che si tratta di operazioni di riciclaggio. L'FBI, che ha avviato un'indagine federale, arresta Seth. Il quale però poi mette a disposizione le proprie informazioni e collabora a far arrestare tutti i colpevoli. Ora Seth può veramente ricominciare da zero, dicendo che si cercherà un lavoro vero.

Valutazione Pastorale

Gli ambienti, i dialoghi, i personaggi contribuiscono a delineare uno sfondo dai tratti vivi e coinvolgenti. La generazione americana ossessionata dall'idea di fare soldi e avere successo in grande fretta é analizzata in modo accurato e spietato. L'esordiente regista, del resto, ha trascorso un periodo in questa attività, quando lottava per emergere nel cinema. Mostrando di conoscerne bene i meccanismi, l'autore punta il dito sul modo cinico di gestire un'attività che é truffaldina e solo di facciata: dietro le parole roboanti, dietro gli eccessi non resta alcunché di solido e concreto. Accanto alla denuncia di un 'sistema', il film mette poi il tema del rapporto genitori/figli. Il conflitto tra Seth e il padre procede in maniera modesta sul piano drammaturgico con un accomodamento finale un po' sdolcinato. E in genere tutte le psicologie dei personaggi sono tenute su un piano di facile lettura e immediata comprensione. Positivo nelle intenzioni, corretto nello svolgimento, il film, dal punto di vista pastorale, é da valutare come accettabile, e semplice sul piano narrativo. UTILIZZAZIONE: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, e recuperato come ritratto di certa America giovanile anni '90.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film