ALLUCINAZIONE PERVERSA **

Valutazione
Discutibile, Crudezze
Tematica
Genere
Drammatico
Regia
Adrian Lyne
Durata
107'
Anno di uscita
1991
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
JACOB'S LADDER
Distribuzione
Penta Distribuzione
Soggetto e Sceneggiatura
Bruce Joel Rubin
Musiche
Maurice Jarre
Montaggio
Tom Rolf

Sogg. e Scenegg.: Bruce Joel Rubin - Fotogr.: (normale/a colori) Jeffrey Kimball - Mus.: Maurice Jarre - Montagg.: Tom Rolf - Dur.: 107' - Produz.: Alain Marshall

Interpreti e ruoli

Tim Robbins (Jacob Singer), Elisabeth Peña (Jezzie), Danny Aiello (Louis), Matt Craven (Michael), Pruitt Taylor Vince (Paul), Jason Alexander (Geary), Patricia Kalember (Sarah), Eriq La Salle, Ving Rhames, Brian Tarantina, Anthony Alessandro, Brent Hinkley.

Soggetto

nella guerra del Vietnam, durante un combattimento nella giungla, alcuni marines, fra i quali il caporale Jacob Singer, si agitano freneticamente come ossessi, finché Jacob viene gravemente ferito nell'addome con un colpo di baionetta. Trasportato in ospedale per essere operato è tormentato da continue allucinazioni, popolate da creature mostruose o riguardanti terribili scene di guerra. Jacob cerca disperatamente una spiegazione razionale delle sue allucinazioni, perciò tenta di scoprire che cosa in realtà sia stato fatto ai suoi compagni nel Vietnam. Dopo che qualcuno ha cercato di ucciderlo, gli si presenta il chimico Newman, il quale, spinto dai rimorsi, dichiara che nel Vietnam, per ordine delle autorità militari, ha sperimentato sul plotone di Jacob una nuova terribile droga, che doveva rendere i soldati più combattivi. Cosa, che infatti è accaduta, ma i marines, invece di scagliarsi sui nemici, si sono combattuti fra loro. L'esperimento era chiamato "Scala", e il chimico si allontana, dopo aver rivelato che alcuni di quei reduci sono già stati uccisi, perché non parlassero. In seguito Jacob si trova immerso in una vasca piena d'acqua ghiacciata, per essere curato di una febbre altissima; successivamente sfugge ad un'auto misteriosa, che cerca di investirlo. Poi Singer incontra l'ex commilitone Paul, che, dopo avergli rivelato di soffrire anch'egli di orribili incubi, muore nell'esplosione della propria auto. Infine Jacob sale con suo figlio Gabe, morto in un incidente, una scala, che lo conduce verso la luce eterna mentre nell'ospedale da campo del Vietnam, il suo corpo giace immobile dopo un vano intervento chirurgico: i medici affermano che Jacob ora che è morto ha un viso sereno.

Valutazione Pastorale

solo alla fine del film si scopre che tutto è visto dal protagonista negli ultimi istanti della sua vita: Jacob è dunque morto, ucciso, però, non dai nemici, ma da uno dei suoi compagni, sottoposti, come lui, all'esperimento con la droga. Il titolo originale, assai più pertinente, è "La scala di Giacobbe", con chiaro riferimento biblico per la salita alla luce del cielo, insieme al figlioletto, e inoltre allusivo alla vicenda per il nome "Scala", dato al crudele esperimento sui soldati. Non si può negare che il regista Adrian Lyne sappia mantenere validamente in tutto il film il clima di tensione necessario, sia con le immagini raccapriccianti degli incubi, sia lasciando sospesi misteriosi interrogativi, che solo in ultimo riceveranno risposta. Tuttavia l'insieme del lavoro risulta spesso confuso e ripetitivo, e si nota troppa insistenza su visioni orribili. La didascalia finale avverte che, secondo varie testimonianze, esperimenti come questo vennero compiuti realmente nel Vietnam.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film