ANDATA E RITORNO

Valutazione
Futile, grossolanità
Tematica
Amicizia, Avidità, Denaro
Genere
Commedia
Regia
Alessandro Paci
Durata
90'
Anno di uscita
2003
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
/////
Distribuzione
Medusa Film
Soggetto e Sceneggiatura
Alessandro Paci, Andrea Paci, Pier Paolo Parco Alessandro Paci
Musiche
Bobo Rondelli
Montaggio
Mirko Garrone

Orig.: Italia (2001) - Sogg.: Alessandro Paci - Scenegg.: Alessandro Paci, Andrea Paci, Pier Paolo Parco - Fotogr.(Panoramica/a colori): Franco Di Giacomo - Mus.: Bobo Rondelli - Montagg.: Mirko Garrone - Dur.: 90' - Produz.: Vittorio Cecchi Gori.

Interpreti e ruoli

Alessandro Paci (Samuele), Erika Bernardi (Sara), Flavia Vento (Vanessa), Marco Giallini (Marco), Giustino Durano (Sorelli), Marco Milano (Gian Maria), Remo Remotti (proprietario ristorante), Andrea Cambi, Carlo Monni

Soggetto

Samuele é fidanzato con Sara, fa il cameriere in un ristorante e, nel tempo libero, fa compagnia all'anziano signor Sorelli, rimasto solo a casa. Quando quest'ultimo muore, il notaio convoca Samuele: a lui il Sorelli ha lasciato in eredità la considerevole cifra di 4 miliardi di lire. Per Samuele la vita all'improvviso cambia. Si licenzia dal lavoro, compra una macchina di alto livello, accetta subito l'invito del concessionario ad una festa dove conosce la bella Vanessa. Sara, sentendosi trascurata e vedendolo del tutto cambiato, lo lascia. Samuele intanto ascolta i discorsi di alcuni amici che hanno per le mani un grosso affare e dice che vuole partecipare: si tratta di comprare una miniera di marmo nero, e la sua quota è di 4 miliardi. Samuele firma l'assegno ma il giorno dopo i suoi 'amici' risultano scomparsi con i soldi. Tornato come prima, Samuele torna al ristorante e qui ascolta la conversazione tra Vanessa e il finto concessionario relativa alla truffa messa in atto ai suoi danni. Allora decide di prendersi una rivincita. Puntando sulla passione di Vanessa per l'antiquariato, fa sottrarre un vaso etrusco a casa della ragazza e ne fa preparare uno identico. Quello falso resta a casa, quello vero viene messo in vendita ad un'asta fasulla con apposti complici. Vanessa interviene e finisce per comprare il vaso per 4 miliardi. Tornata a casa per metterlo a fianco dell'altro, si accorge che quello é fasullo. Recuperati i soldi, Samuele ora capisce di doverli gestire con cura. Intanto Sara torna con lui e, insieme agli anziani del paese, tutti partono alla volta di Montecarlo.

Valutazione Pastorale

Si tratta di un commediola di poche pretese, girata tra 2000 e 2001 (si parla di Lire) e rimasta bloccata (come molti altri lavori) dalle traversie del produttore Cecchi Gori. Alessandro Paci, già spalla di Ceccherini, tenta il salto del film "in prima persona" (ossia soggettista/protagonista/regista), cadendo negli stessi difetti di tanti comici che vogliono fare tutto da soli. Atmosfere, personaggi di contorno, umorismo riecheggiano il primo Pieraccioni, e una certa, recente inflazione di toscanità fa risaltare ancora di più stereotipi e ripetizioni. La trama è la tipica storia degli equivoci con beffa e controbeffa. Per cui ne risulta un prodotto modesto, e curiosamente 'povero', quasi volesse adattarsi alla descrizione di un protagonista fin troppo esile e di comprimari proposti come macchiette tutte esteriori. Dal punto di vista pastorale, la totale assenza di elementi di qualche sostanza fa valutare il film come futile, segnalando le grossolanità legate a situazioni inutilmente sguaiate e fuori misura. UTILIZZAZIONE: trattandosi di un esempio di cinema a spiccato carattere regionale, l'utilizzazione può essere limitata ad occasioni locali come intrattenimento peraltro di scarso livello.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film