BALLROOM – GARA DI BALLO *

Valutazione
Accettabile, Brillante
Tematica
Genere
Commedia
Regia
Baz Luhrmann
Durata
94'
Anno di uscita
1993
Nazionalità
Australia
Titolo Originale
BALLROOM
Distribuzione
Academy Pictures
Soggetto e Sceneggiatura
Baz Luhrmann, Craig Pearce
Musiche
David Hirschfelder
Montaggio
Jill Bilcock

Sogg. e Scenegg.: Baz Luhrmann, Craig Pearce - Fotogr.: (normale/a colori) Steve Mason - Mus.: David Hirschfelder - Montagg.: Jill Bilcock - Dur.: 94' - Produz.: Tristram Miall

Interpreti e ruoli

Paul Mercurio (Scott Hastings), Tara Morice (Fran), Bill Hunter (Barry Fife), Pat Thomson (Shirley Hastings), Barry Otto (Doug Hastings), Peter Whitford (Les Kendall), Gia Carides (Liz Holt), John Hannah, Sonia Kruger-Tayler, Kris McQuade, Pip Mushin, Antonio Vargas, Armonia Benedito, Jack Webster, Steve Grace

Soggetto

Scott Hastings, un vero campione della "danza da sala", si è permesso di inventare nuove figure e variazioni: per questo i dirigenti della Federazione Australiana della danza – cui spetta di organizzare le gare per il Pan Pacific Championships – si sono adirati e sono intenzionati ad espellerlo. Di conseguenza la madre Shirley (ex-campionessa) è in preda all'isteria: essa dirige insieme ad un altro ballerino una scuola di ballo e la semplice idea che Scott non riporti la vittoria facendo coppia con una celebre ballerina la sconvolge. Nell'ombra in cui vive, Doug, il padre di Scott (già campione), parteggia invece per il giovanotto e le sue idee innovatrici. Quella però che ammira Scott è Fran, una segretaria della scuola, non bella e occhialuta per giunta. Scott la prende a benvolere per il suo candore, le insegna i passi essenziali e coltiva l'idea di andare comunque al concorso con lei, per battere la campionessa in carica ed imporre a tutti i conservatori il proprio modo di interpretare la danza. Fran appartiene ad una famiglia proletaria spagnola, la quale insegna a Scott il meglio, sia di ogni figura, sia di tutti i segreti del respiro e dei movimenti dell'autentico paso doble. Il Presidente della Federazione – il quale ha già deciso che il Pan Pacific dovrà vincerlo un altro danzatore (maturo e ampolloso) – invita Scott a non ripetere l'errore che 26 anni prima fece suo padre, grande ballerino di sala, il quale aveva puntato tutto su variazioni stilistiche di propria creazione venendo così meno ai principi dei conservatori. Tutta una perversa invenzione del Presidente, che chiede insidiosamente al ragazzo di ballare per "rendere omaggio" al padre, decidendo comunque a suo giudizio per il meglio. Ma Scott, e insieme a Fran (ammessa a fare solo una breve sfilata con le principianti) scende in pista. Il Presidente, gonfio d'ira e di burbanza, durante il ballo interrompe la musica. Chi salva la situazione è il padre di Scott: nel grande silenzio della sala stracolma si ode un improvviso, semplice battito delle mani, a cui altre gradualmente si accompagnano. È un ritmo ben marcato e su questo Scott e Fran si lanciano in un paso doble tutto fuoco e nervoso che determina il loro successo. Poi tutti i fan presenti scendono con gioia a ballare in pista, primo fra tutti il padre di Scott, che con le lacrime agli occhi è andato ad invitare galantemente la moglie Shirley.

Valutazione Pastorale

a questa commedia alcuni meriti non si possono negare: è una fiaba musicale brillante; l'energia vitale l'attinge all'animo latino; ha anche un pizzico di "hispanidad" (emigrata in Australia, ma non certo diméntica di fandango e paso doble). I due protagonisti (lui, giovane bruno e talentoso e lei, ragazza ingenua) riescono ad accattivarsi la simpatia di tutti. Riscontrare nel film di Baz Luhrmann l'ironia benevola che qualcuno vi ha individuata sembra eccessivo, come pure eccessivi gli applausi smodati che lo spettacolo ha ricevuto in un festival cinematografico. Nel fruttuoso campo del "musical" mancava, forse, la ricerca dell'effimero, il gusto del provinciale, il debordare del retorico, il kitsch. Si può accettare la fiaba "Ballroom" che tutto questo rinserra e avvolge fra costumi sfarzosi e belle musiche.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film