CONTAGION

Valutazione
Consigliabile, problematico *
Tematica
Fantascienza, Metafore del nostro tempo, Scienza
Genere
Fanta-Thriller
Regia
Steven Soderbergh
Durata
105'
Anno di uscita
2011
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Contagion
Distribuzione
Warner Bros Pictures Italia
Musiche
Cliff Martinez
Montaggio
Stephen Mirrione

Orig.: Stati Uniti (2011) - Sogg. e scenegg.: Scott Z. Burns - Fotogr.(Scope/a colori): Steven Soderbergh - Mus.: Cliff Martinez - Montagg.: Stephen Mirrione - Dur.: 105' - Produz.: Steven Soderberg, Stacey Sher, Michael Shamberg, Gregory Jacobs.

Interpreti e ruoli

Lawrence Fishburne (dott. Ellis Cheever), Kate Winslet (dott.ssa Erin Mears), Marion Cotillard (dott.ssa Leonora Orantes), Matt Damon (Thomas Emhoff), Gwyneth Paltrow (Beth Emhoff), Bryan Cranston (Lyle Haggerty), Jennifer Ehle (dott.ssa Ally Hextall), Jude Law (Alan Krumweide), Elliott Gould (dott. Ian Sussman), Armin Rohde (Damian Leopold), Stef Tovar . (dott. Arrington)

Soggetto

In pochi giorni un virus letale si diffonde per via aerea. Dopo i primi morti, il panico comincia a dilagare. Istituti e medici in varie parti del mondo si attivano, entrano in contatto, cercano di elaborare una strategia comune per debellare il virus. Solo dopo molta fatica, viene trovato il giusto antidoto che salva la popolazione.

Valutazione Pastorale

Forse la mancanza di una spettacolarità evidente e incalzante toglie vivacità alla storia, che al contrario Soderberg concepisce come un thriller non di rado trattenuto e sottotraccia. Il copione gioca sul doppio binario della suspence e della denuncia con una bella padronanza narrativa ed espressiva. Il regista è bravo a scandire i tempi di una vicenda mai gridata eppure densa di risvolti, umani, sociali, forse politici. Dare la colpa del virus ai 'cinesi' è solo una delle possibili letture, sulle quali cala l'inquieta considerazione della attendibilità scientifica delle tesi dibattute. Soderberg costruisce da par suo una 'finzione' seria e vigorosa, ovviamente resa più credibile dal cast di prima fila, divi che non disdegnano di ricoprire anche piccoli ruoli. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile e nell'insieme problematico. UTILIZZAZIONE: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria e in seguito come prodotto di 'genere' di livello altamente professionale. Qualche attenzione è da tenere per minori e piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso didvde di altri supporti tecnici.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film