FREQUENCY (IL FUTURO E’ IN ASCOLTO)

Valutazione
Accettabile, complesso
Tematica
Famiglia - genitori figli, Fantascienza
Genere
Fantastico
Regia
Gregory Hoblit
Durata
110'
Anno di uscita
2000
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Frequency
Distribuzione
Nexo
Musiche
Michael Kamen
Montaggio
David Rosenbloom

Orig.: Stati Uniti (2000) - Sogg. e scenegg.: Toby Emmerich - Fotogr.(Scope/a colori): Alar Kivilo - Mus.: Michael Kamen - Montagg.: David Rosenbloom - Dur.: 110' - Produz.: Hawk Koch, Gregory Hoblit, Bill Carraro, Toby Emmerich.

Interpreti e ruoli

Dennis Quaid (Frank Sullivan), Jim Caviezel (John Sullivan), Shawn Doyle (Jack Shepard), Elizabeth Mitchell (Julia Sullivan), Andre Braugher (Satch DeLeon), Noah Emmerich (Gordo Hersch), Melissa Enrico (Samantha Thomas), Jordan Bridges (Graham Gibson), Peter Macneill (Butch Foster)

Soggetto

Il giorno prima del trentesimo anniversario della morte del padre Frank, durante una tempesta dei cieli, un'aurora boreale, John Sullivan trova l'attrezzatura da radioamatore del genitore e comincia a giocarci. A causa delle scariche statiche, entra in contatto con un uomo che afferma di essere un pompiere e che dice di stare aspettando le "world series" del 1969. Sul momento, nessuno riesce a crederci, ma dopo una notte passata a parlare, John capisce di essere in linea con il padre: gli esprime allora tutto il suo amore e, poco dopo, constata che mettendolo in guardia sul fatale incendio che gli è costata la vita, potrebbe cambiare il corso degli eventi. Comincia allora una corsa contro il tempo, durante la quale i due devono cercare di scambiarsi i segnali più precisi possibili. Tutto è complicato dal fatto che le vicende legate alla morte o meno di Frank innescano una serie di omicidi irrisolti sui quali indaga la polizia, ossia i colleghi di John che per l'appunto é poliziotto. C'é un assassino da scoprire, e le indagini scorrono su due piani distanti tra loro trenta anni. Quando il colpevole viene individuato, la radio si è rotta e John sembra ormai rassegnato. Ma ecco Franck anziano e con i capelli bianchi arrivare in soccorso del figlio. Finita la paura, padre e figlio giocano con la famiglia a baseball sul prato di casa.

Valutazione Pastorale

E' probabile che le ipotesi scientifiche sul multiuniverso abbiano qualche giusto fondamento, e sulla materia gli scienziati studioni e riflettono. Qui le teorie e le ipotesi sui collegamenti a distanza nel tempo sembrano un semplice pretesto per costruire una vicenda tra fantastico ( che resta il tono principale),thriller, azione. Un intreccio che prende un po' di qua e un po' di là e finisce per risultare dalla parte centrale in poi abbastanza confusionario. Vi si potrebbe scorgere la possibilità di un accostamento al passato come occasione di riflessione sulla vita quotidiana, il ricordo e il sogno come stimoli a vivere meglio il presente: e sono suggestioni possibili, sia pure in parte rese meno forti dallo scivolamento nel 'giallo'. Il film mette dunque insieme inevitabili esigenze spettacolari ( il ritmo é sempre sostenuto) e l'adesione a valori importanti, anche se espressi in modo leggero (il rapporto padre-figlio; la volontà del figlio di tenere unita la famiglia). Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come positivo, accettabile quindi, e complesso perchè l'intreccio di diverse tonalità crea qualche passaggio non risolto al meglio. UTILIZZAZIONE: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria. E' da recuperare in contesti dedicati al 'fantastico', anche come avvio ad uno scambio di opinioni su temi scientifici 'seri'.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film