GO-UNA NOTTE DA DIMENTICARE

Valutazione
Inaccettabile, malsano
Tematica
Droga, Giovani, Sessualità, Violenza
Genere
Commedia
Regia
Doug Liman
Durata
100'
Anno di uscita
1999
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Go
Distribuzione
Columbia Tristar Films Italia
Musiche
BT
Montaggio
Stephen Mirrione

Orig.: Stati Uniti (1999) - Sogg. e scenegg.: John August - Fotogr.(Scope/a colori): Doug Liman - Mus.: BT - Montagg.: Stephen Mirrione - Dur.: 100' - Produz.: Paul Rosemberg, Mickey Liddell, Matt Freeman. - VIETATO AI MINORI DI 14 ANNI.

Interpreti e ruoli

Sarah Polley (Ronna), Desmond Askew (Simon), Katie Holmes (Claire), Scott Wolf (Adam), Jay Mohr (Zack), Timothy Olyphant, Taye Diggs, William Fichtner

Soggetto

Tre storie cominciano separatamente e finiscono per incrociarsi. Ronna fa la commessa in un supermercato, é tesa e arrabbiata perché non ha i soldi che le servono per l'affitto e altre cose. Simon é inglese e decide di recarsi a Las Vegas per vivere in prima persona tutte le trasgressioni di cui ha sentito parlare.Adam e Zack, che fanno gli attori,finiscono per trovarsi a fianco di un poliziotto abbastanza strano. Succede che Ronna accetta di rifornire di pasticche alcuni ragazzi, poi viene minacciata, investita da un macchina e precipita in un burrone. A Las Vegas Simon va con Marcus in un bordello,ma qui non rispettano le regole e vengono minacciati. Allora Simon spara e i due fuggono. Il poliziotto incarica Adam e Zack di catturare Simon, che in realtà é a sua volta uno spacciatore. I due sono sulle tracce di Ronna, che ha preso il posto di Simon. La ragazza è precipitata ma non é morta. Tutto si è consumato in una notte. All'alba, ognuno cerca, per quanto possibile, di riprendere la vita come se niente fosse successo.

Valutazione Pastorale

Si tratta di una commedia di livello incredibilmente modesto. Tutti i luoghi comuni legati al mondo giovanile americano vengono proposti in una inesorabile, insistita sequenza. Il bisogno di soldi, la droga (che si spaccia o si consuma, o tutti e due), la ricerca di piaceri irrazionali e sfrenati, il sesso, i rapporti inesistenti con genitori o parenti. Un panorama sconnesso e sconfortante che forse é in parte anche reale ma che soprattutto crea imitazione e stordimento all'interno di un vuoto totale di valori cui fare riferimento. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come inaccettabile e sostanzialmente malsano. UTILIZZAZIONE: il film é da escludere sia dalla programmazione ordinaria sia da altri tipi di proposte.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film