I FANTASTICI VIAGGI DI GULLIVER

Valutazione
Consigliabile, Semplice
Tematica
Avventura, Film per ragazzi, Letteratura, Pace
Genere
Fantastico
Regia
Rob Letterman
Durata
85'
Anno di uscita
2011
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Gulliver's Travels
Distribuzione
20th Century Fox Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Nicholas Stoller, Joe Stillman ispirato al romanzo "I viaggi di Gulliver" di Jonathan Swift
Musiche
Henry Jackman
Montaggio
Alan Edward Bell, Maryann Brandon, Nicolas de Toth, Dean Zimmerman

Orig.: Stati Uniti (2010) - Sogg.: ispirato al romanzo "I viaggi di Gulliver" di Jonathan Swift - Scenegg.: Nicholas Stoller, Joe Stillman - Fotogr.(Scope/a colori): David Tattersall - Mus.: Henry Jackman - Montagg.: Alan Edward Bell, Maryann Brandon, Nicolas de Toth, Dean Zimmerman - Dur.: 85' - Produz.: Jack Black, Ben Colley, John Davis, Gregory Goodman.

Interpreti e ruoli

Jack Black (Lemuel Gulliver), Amanda Peet (Darcy Silverman), Jason Segel (Horatio), Emily Blunt (principessa Mary), Billy Connolly (Re Theodore), Chris O'Dowd (generale Edward), T.J. Miller (Dan), James Corden (Jinks), Catherine Tate . (regina Isabelle)

Soggetto

Timido addetto alla posta in un importante quotidiano newyorchese, Lemuel Gulliver, per fare colpo sulla bella Darcy, redattrice della sezione viaggi, accetta di scrivere un reportage sul triangolo delle Bermude. Coinvolto in una terribile tempesta sul mare, Lemuel approda sull'isola di Lilliput. Da qui scatta per lui un'avventura del tutto imprevista, che lo porta a riconsiderare la propria vita e a gestire in modo diverso anche il rapporto con Darcy.

Valutazione Pastorale

Il riferimento al romanzo di Swift è ovviamente un pretesto. Semmai la cornice nella moderna New York e gli agganci via via più numerosi con fatti e situazioni di oggi confermano la forza di quel testo, la sua modernità rispetto alla 'simbologia' del rapporto tra l'uomo grande e gli altri 'piccolissimi'. E' merito del copione aver evitato facili e scontati parallelismi, per lasciare lo spazio maggiore al senso dell'avventura, ad una fantasia sbrigliata e libera di correre negli spazi dell'inverosimile. Così il racconto si fa piacevole spettacolo, dentro il quale anche il talvolta sguaiato Jack Black trova i giusti margini di vivacità e dinamicità. Molti passaggi indovinati punteggiano la storia, cui si perdona anche il messaggio pacifista finale, un po' facile e forzato ma certo non inutile. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come consigliabile e nell'insieme semplice.

Utilizzazione

Il film é da utilizzare in programmazione ordinaria e da riprendere in successive occasioni come proposta per giovani e ragazzi.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film