IL NASCONDIGLIO DEL DIAVOLO

Valutazione
Accettabile, semplicistico
Tematica
Avventura
Genere
Avventuroso
Regia
Bruce Hunt
Durata
100'
Anno di uscita
2005
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
The Cave
Distribuzione
Sony Pictures Releasing Italia
Musiche
Reinhold Heil, Johnny Klimek
Montaggio
Brian Berdan

Orig.: Stati Uniti (2005) - Sogg. e scenegg.: Michael Steinberg, Tegan West - Fotogr.(Scope/a colori): Ross Emery - Mus.: Reinhold Heil, Johnny Klimek - Montagg.: Brian Berdan - Dur.: 100' - Produz.: Gary Lucchesi, Andrew Mason, Michael Ohoven, Tom Rosenberg, Richard S. Wright.

Interpreti e ruoli

Cole Hauser (Jack), Eddie Cibrian (Tyler), Lena Headey (Kathryn), Piper Perabo (Charlie), Morris Chestnut (Top Buchanan), Rick Ravanello (Briggs), Daniel Dae Kim (Kim), Kieran Darcy-Smith (Strode), Marcel Iures (dr. Nicolai), Simon Kunze (Mike), David Kennedy . (Ian)

Soggetto

In Romania, sotto i monti Carpazi, i fratelli Jack e Tyler, esperti speleologi americani, sono chiamati ad esplorare le grotte Vergini, caverne rinvenute all'interno di una foresta sotto le fondamenta di un'antica chiesa dei Templari. Si tratta di verificare se in quel microcosmo sotterraneo si sia sviluppato un ecosistema autonomo e sconosciuto. Al lavoro, oltre a Jack e Tyler, si mettono i loro collaboratori Charlie e Buchanan, Briggs, il dott. Nicolaj, Kathryn e altri. Il punto di impatto viene individuato ad una profondità molto avanzata. Quando comincia a scendere, il gruppo si trova di fronte ad uno scenario imprevisto. L'ecosistema che si è creato é popolato anche di creature mostruose e minacciose: sono, trasformati, i discendenti degli uomini caduti in quelle caverne trenta anni prima e mai ritrovati. Alcuni della spedizione non sopravvivono, altri, dopo enormi difficoltà, riescono a tornare in superficie.

Valutazione Pastorale

Si tratta di un racconto solamente avventuroso con qualche spruzzata di horror e qualche aggancio a situazioni di cronaca e di storia (nei titoli di testa i "30 anni fa" rimandano alla guerra fredda come periodo in cui scompaiono i futuri 'mostri'). L'evoluzione del racconto é abbastanza prevedibile, nel gruppo scattano le consuete dinamiche di rivalità, attrazione, invidia, paura, e la conclusione é che la natura ha dei confini di conoscenza che non possono essere valicati. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come accettabile e in generale semplicistico. UTILIZZAZIONE: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, e proposto come occasionale spettacolo di svago. Qualche attenzione per i più piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film