IL RICCIO

Valutazione
Consigliabile, Problematico
Tematica
Adolescenza, Famiglia - genitori figli, Letteratura, Rapporto tra culture, Solidarietà-Amore
Genere
Commedia
Regia
Mona Achache
Durata
100'
Anno di uscita
2010
Nazionalità
Francia, Italia
Titolo Originale
Le hérisson
Distribuzione
Eagle Pictures
Soggetto e Sceneggiatura
Mona Achace tratto dal romanzo "L'eleganza del riccio" di Muriel Barbery
Musiche
Gabriel Yared
Montaggio
Julia Gregory

Orig.: Francia/Italia (2009) - Sogg.: tratto dal romanzo "L'eleganza del riccio" di Muriel Barbery - Scenegg.: Mona Achace - Fotogr.(Scope/a colori): Patrick Blossier - Mus.: Gabriel Yared - Montagg.: Julia Gregory - Dur.: 100' - Produz.: Anne Dominique Toussaint.

Interpreti e ruoli

Josiane Balasko (Renée Michel), Garance Le Guillermic (Paloma Josse), Togo Igawa (Kakuro Ozu), Anne Brochet (Solange Josse), Ariane Ascaride (Manuela Lopez), Wladimir Yordanoff (Paul Josse), Sarah Le Picard (Colombe Josse), Jean Luc Porraz (Jean Pierre), Gisele Casadesus (madame de Broglie (madame Meurisse), Mona Heftre .

Soggetto

A Parigi la dodicenne Paloma si lascia andare a riflessioni esistenziali che prevedono la possibilità del suicidio; ma intanto gira per casa con unanvadente telecamera che disturba gemitori e sorella più grande. Renée, 55 enne portiera dell'elegante condominio in cui tutto avviene, é una donna all'apparenza trascurata e solitaria, tuttavia dedita, quasi di nascosto, a coltivare letteratura e arte. Quando nel palazzo arriva il giapponese Ozu, signore elegante e gentile, molto sembra rimettersi in discussione. Ozu corteggia con discrezione Renée, la invita al ristorante e poi a casa sua a vedere un film. La donna si sente incoraggiata ad aprirsi ed ad esprimersi. Anche Paloma si sente più positiva. Il destino però é in agguato.

Valutazione Pastorale

Quando si traduce un romanzo in immagini, se il romanzo è di successo e l'autore é vivente, qualche polemica é inevitabile, in parte sincera in parte strumentale per alzare il livello di attenzione. Capita anche per questo "Il riccio", tratto da "L'eleganza del riccio", che ha venduto quasi un milione di copie in Francia e 300mila in Italia. L'autrice Muriel Barbery ha protestato per l'assenza, nella versione italiana, della dicitura "liberamente tratto". Chi lo ha letto, deciderà sull'utilità o meno di alcuni cambiamenti. Certo il film, diretto da una giovane esordiente, poggia su una robusta incisività narrativa, ha forza di suggestione e solidità di contenuti. Attraverso il confronto a distanza tra la piccola Paloma e la matura Renée, si parla di di timidezza e sfrontatezza, dell'arte che riscatta, della piacevolezza di incontrarsi, parlare, instaurare reciproca fiducia. Uno spartito di emozioni e sentimenti che svaria nelle tonalità e passa dall'alto al basso dell'amaro finale. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come consigliabile, e certo problematico.

Utilizzazione

Il film é da utilizzare in programmazione ordinaria e da proporre nell'ambito del rapporto cinema/letteratura. Qualche attenzione é da tenere per minori e piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV