KATE & LEOPOLD

Valutazione
Accettabile, brillante**
Tematica
Lavoro, Matrimonio - coppia, Storia
Genere
Commedia
Regia
James Mangold
Durata
121'
Anno di uscita
2002
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Kate and Leopold
Distribuzione
Buena Vista International Italia
Soggetto e Sceneggiatura
James Mangold, Steven Rogers Steven Rogers
Musiche
Rolfe Kent
Montaggio
David Brenner

Orig.: Stati Uniti (2001) - Sogg.: Steven Rogers - Scenegg.: James Mangold, Steven Rogers - Fotogr.(Normale/a colori): Stuart Dryburg - Mus.: Rolfe Kent - Montagg.: David Brenner - Dur.: 121' - Produz.: Cathy Konrad.

Interpreti e ruoli

Meg Ryan (Kate), Hugh Jackman (Leopold), Liev Schreiber (Stuart), Breckin Meyer (Charlie), Philippe Bosco (Otis), Natasha Lyonne

Soggetto

Agli inizi del Duemila, a New York, Stuart, scienziato un po' strano, é riuscito nell'impresa a lungo inseguita: attraverso un buco nel tempo situato sotto il ponte di Brooklin, é andato nel 1876 e ha assistito al l'inaugurazione del ponte stesso. Per sua sfortuna al momento di tornare indietro, ha sia pure controvoglia trascinato con sé un certo Leopold, duca di Albany ma squattrinato e sollecitato dallo zio a sposarsi al più presto con una ricca ereditiera. Stuart porta Leopold a casa propria. Al piano di sopra c'é la casa di Kate, che con Stuart è stata fidanzata cinque anni. Non molto fortunata nel campo sentimentale, Kate dà il meglio di sè nel suo ruolo di manager in un'agenzia pubblicitaria, dove per lei ci sono prospettive di carriera. Una mattina, mentre esce con il cane, Stuart cade nel vano dell'ascensore e subito viene ricoverato in ospedale. Dopoché é arrivato Charlie, fratello di Kate e attore con poco lavoro, Leopold comincia ad ambientarsi nell'appartamento, Kate lo osserva con sorpresa e ammirazione, poi lo porta negli studi dell'agenzia a fare un provino per una pubblicità. Con la promessa di essere promossa vicepresidente, Kate va a cena con il suo capo, ma durante la sera si presenta Leopold che mette scompiglio. Il giorno dopo, per scusarsi, invita a sua volta Kate ad una cena sul terrazzo di casa. Alla fine, mentre ballano, si baciano. Mentre sono a passeggio, Leopold riconosce in un edificio sede di co0nvegni la casa dello zio, dove abitava lui. Alla sera lui le dice che l'ama. Viene poi girato lo spot pubblicitario, ma Leopold assaggia il prodotto, lo trova cattivo e si rifiuta di proseguire. Finalmente Stuart esce dall'ospedale, e si rende conto che si avvicina il momento in cui Leopold deve fare ritorno nel proprio tempo. Kate intanto deve intervenire al ricevimento in cui sarà annunciata la sua promozione. Viene chiamata, fa un breve discorso, ma poi si interrompe. Comincia a correre, raggiunge il portale e va indietro. Eccola nella stessa casa ma nel momento in cui Leopold annuncia quale sarà la sua sposa. Lui la vede e cambia espressione. Il nome che dice ad alta voce é quello di Kate.

Valutazione Pastorale

Si tratta di una commedia dai toni gradevoli e dall'andamento piacevole. Il pretesto narrativo è quello di creare scompiglio e sorprese continue, facendo calare nella New York di oggi un uomo proveniente dalla stessa citta ma un secolo o poco più prima. Il nobile Leopold è tanto più squattrinato quanto più gentile nei modi e negli atteggiamenti: nobile insomma non per il titolo ma nell'animo, cosa che provoca contrasti inevitabilmente forti e reazioni impreviste nelle persone che gli stanno vicino. Kate è la prima a subire il suo fascino perché condotta per mano a riscoprire parole e gesti che la convulsa vita newyorchese e il suo arido lavoro le hanno da tempo sottratto. Una favola, dunque, che dentro un contesto realistico scorre su cadenze di irealtà e di immaginazione ma che allo stesso tempo lancia anche alcuni piccoli messaggi sulla necessità di riscoprire certi valori: far prevalere i sentimenti sulla tecnologia; inseguire la verità nel lavoro senza farsi abbagliare dall'inganno; gettare un occhio più benevolo su certi modi di vivere del passato. Commedia delicata, condotta in modo elegante tra raffinatezza e simpatia, senza preoccuparsi degli sbalzi cronologici a vantaggio di un divertimento immediato e misurato. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come positivo, accettabile quindi, e nell'insieme brillante. UTILIZZAZIONE: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria, ed è da destinare ad un pubblico ampio. Da proporre in seguito come valida occasione di svago e di intrattenimento.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film