LA REGOLA DEL GIOCO

Valutazione
Consigliabile, Problematico, dibattiti
Tematica
Droga, Famiglia, Potere, Storia
Genere
Drammatico
Regia
Michael Cuesta
Durata
111'
Anno di uscita
2015
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Kill the Messenger
Distribuzione
Bim Distribuzione
Soggetto e Sceneggiatura
Peter Landesman tratto dai libri "Dark Alliance" di Gary Webb e "Kill the messenger" di Nick Schou
Musiche
Nathan Johnson
Montaggio
Brian A. Kates

Orig.: Stati Uniti (2014) - Sogg.: tratto dai libri "Dark Alliance" di Gary Webb e "Kill the messenger" di Nick Schou - Scenegg.: Peter Landesman - Fotogr.(Scope/a colori): Sean Bobbitt - Mus.: Nathan Johnson - Montagg.: Brian A. Kates - Dur.: 111' - Produz.: Scott Stuber, Naomi Despres, Jeremy Renner.

Interpreti e ruoli

Jeremy Renner (Gary Webb), Rosemarie DeWitt (Sue Webb), Ray Liotta (John Cullen), Tim Blake Nelson (Alan Fenster), Berry Pepper (Russell Dodson), Oliver Platt (Jerry Ceppos), Michael Sheen (Fred Weil), Paz Vega (Coral Baca), Michael Kenneth Williams (Ricky Ross), Mary Elizabeth Winstead (Anna Simons), Lucas Hedges (Ian Webb), Andy Garcia (Norwin Meneses)

Soggetto

Esperto giornalista, Gary Webb si è da poco trasferito con la famiglia in California, dove lavora per il San José Mercury News. Un giorno accetta di incontrare Coral Baca, donna di un grosso trafficante di droga, che gli consegna una trascrizione del Gran Giurì dove si rivela un collegamento tra i servizi segreti statunitensi e il traffico di cocaina dal Sudamerica. Sulla base di quella documentazione, Webb scrive alcuni articoli che hanno un effetto dirompente, insinuando direttamente l'ipotesi che la CIA abbia usato i profitti di quel traffico per fornire armi ai Contras. Da quel momento per Webb la vita cambia completamente. Molti si muovono per screditare il suo lavoro. Ma lui insiste, per dimostrate l'esattezza dei propri materiali.

Valutazione Pastorale

Un thriller politico, come ai tempi de "I tre giorni del Condor" di Sidney Pollack. I fatti del resto sono autentici e nei titoli di coda ne viene offerto il resoconto. Nel 2000 la Commissione del Senato sui Servizi Segreti riconosce che la CIA ha protetto i trafficanti di narcotici associati ai Contras. Nello stesso anno Gary e la moglie Sue divorziano. Nel 2004, a 49 anni, Gary muore a causa di due ferite da arma da fuoco in un sobborgo di Sacramento. La sua morte viene archiviata come suicidio. La grande esperienza maturata in tv (Six feet Under; True Blood; Elementary) ha permesso a Cuesta di gestire eventi autentici, guardandoli nell'ottica di un forte, incalzante film di 'genere'. Gari Webb è il prototipo moderno dell'eroe solitario dei western, e quello scenario mitologico e archetipico resta alla base delle migliori narrazioni americane. Film di denuncia e insieme, se vogliamo, convenzionale, prevedibile ma scattante e nervoso secondo quell'incrociarsi di bene e di male, di amore per la libertà e paura del potere che caratterizza i grandi prodotti spettacolari. Film quindi impeccabilmente costruito, a riprova che un film USA può esprimere le accuse più pesanti senza temere ripercussioni. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile, problematico e adatto per dibattiti.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in successive occasioni come prodotto di impeccabile fusione tra importanza dei temi, grinta della regia e degli attori, precisione della denuncia politica.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film