LAMERICA ***

Valutazione
Raccomandabile, Realistico
Tematica
Emigrazione, Povertà-Emarginazione
Genere
Drammatico
Regia
Gianni Amelio
Durata
135'
Anno di uscita
1994
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
LAMERICA * * *
Distribuzione
Cecchi Gori Group
Soggetto e Sceneggiatura
Gianni Amelio, Andrea Porporati, Alessandro Sermoneta
Musiche
Franco Piersanti
Montaggio
Simona Paggi

Sogg. e Scenegg.: Gianni Amelio, Andrea Porporati, Alessandro Sermoneta - Fotogr.: (scope/a colori) Luca Bigazzi - Mus.: Franco Piersanti - Montagg.: Simona Paggi - Dur.: 135' - Produz.: Cecchi Gori Group Tiger Cinematografica, Alia Film

Interpreti e ruoli

Enrico Lo Verso (Gino), Michele Placido (Fiore), Carmelo Di Mazzarelli (Spiro Tozaj), Piro Milkani (Selimi), Elida Janushi, Sefer Pema, Nikolin Elezi, Marian Pietrj, Besim Kurti, Esmeralda Ara

Soggetto

Fiore e Gino, italici faccendieri, arrivati in Albania sul fuoristrada del secondo, vagano per i ministeri, con il supporto di corrotti funzionari locali, per mettere a punto l'ennesima truffa ai danni del loro governo e di quello albanese, con il rilevamento e la finta ristrutturazione di una fatiscente fabbrica di scarpe. Serve anche un incapace presidente, il solito vecchio rimbecillito ma ancora in grado di firmare i documenti: dopo un vagabondaggio in un'ex carcere, trovano Spiro Tozaj, che non parla ed, alla prima occasione, fugge con il treno. Gino lo insegue col fuoristrada, e lo raggiunge in un ospedale dove lo hanno ricoverato dopo che dei monelli gli hanno rubato le scarpe e tentato di soffocarlo in un bunker col fuoco. A poco a poco, mentre l'agghiacciante realtà di miseria e disperazione del piccolo paese emerge in tutta la sua evidenza, Gino scopre non solo che Spiro è in realtà un ex miliziano fascista, Michele Talarico, un disertore che dopo 50 anni di galera ha perso il senno e crede di vivere nell'Italia del '48, ma anche che la gente miserabile e il povero, ignorante ma generoso vecchio, affrontano una realtà che il suo continuo quanto inutile ricorso ai soldi non può certo modificare. Dopo una lunga odissea in camion per tornare a Tirana, Gino telefona a Fiore, che si è dileguato. Poi la polizia lo arresta al rientro in albergo: il funzionario albanese è stato arrestato, e Gino potrà allontanarsi solo firmando una confessione che permetta al funzionario di polizia di incriminarlo. Successivamente Gino tenta di rientrare in Italia con una nave di profughi, e vi ritrova Spiro convinto di andare in America.

Valutazione Pastorale

dopo questo contributo di Amelio si può dire che è ancora possibile fare un film che abbia le caratteristiche del documento, della denuncia circostanziata di fatti che sono dietro l'angolo pur conservando le qualità artistiche ed espressive del film d'autore. Indimenticabile panorama di volti, di miserie, disperazioni, contrasti grotteschi e toccanti tra casermoni e macerie e la disperata vitalità di un popolo ridotto alla fame che tuttavia riesce ancora a conservare tracce dell'antica dignità, e che aspetta, dopo 50 anni di tenebre, una resurrezione che sembra di là da venire. Documento agghiacciante nel suo realismo che non cerca l'effetto o la sensazione, ma si limita a descrivere una realtà che si commenta da sola, con lo stridente contrasto tra la miserabile situazione della gente che siede affamata a bearsi delle trasmissioni frivole della televisione, sognando appunto "Lamerica" che si offre, come una sirena, con i suoi lustrini, il suo lusso, la sua superficialità, il suo egoismo, al di là del canale d'Otranto, oggi come ieri percorso dalle imbarcazioni dei profughi, che i cordoni di polizia tentano di fermare anche con la violenza nei porti del paese. Al paesaggio umano e geografico d'insieme, fa da contrappunto il microcosmo dei sentimenti di Gino, sempre più frastornato da una realtà che lo sommerge, e la splendida figura del vecchio contadino siciliano, vero re di questa tragedia del passato e del presente, che non a caso, con la sua allegorica follia, sovrappone emblematicamente il nostro dopoguerra al calvario che vive il popolo albanese.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film