L’AMICO D’INFANZIA *

Valutazione
Complesso, Discutibile, Dibattiti
Tematica
Amicizia, Mass-media
Genere
Drammatico
Regia
Pupi Avati
Durata
102'
Anno di uscita
1994
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
L'AMICO D'INFANZIA
Distribuzione
Filmauro
Soggetto e Sceneggiatura
Pupi Avati
Musiche
Stefano Caprioli
Montaggio
Amedeo Salfa

Sogg. e Scenegg.: Pupi Avati - Fotogr.: (panoramica/a colori) Cesare Bastelli - Mus.: Stefano Caprioli - Montagg.: Amedeo Salfa - Dur.: 102' - Produz.: Duea Film, Filmauro

Interpreti e ruoli

Jason Robards III (Arnold Gardner), Amy Galper (Norma Cooper), Lee R. Sellars (Randy), Richard Grubbs (Dule), Jim Mullins (Myers), Joe Ryan (Ted Gardner), Robert Swan (Sortino), Jim Ortlieb (Eddie Greenberg)

Soggetto

Arnold Gardner, 40 anni, che collabora al programma televisivo "25. ma ora" della rete "Chicago 5", dove è entrato grazie al matrimonio, ora fallito, con Norma Cooper, figlia del proprietario del network, dopo aver sostituito il collega Duncan MacKay, morto improvvisamente, grazie alla sua aggressività e spregiudicatezza fa aumentare vertiginosamente l'audience del suo talk-show. Ma inizia a ricevere telefonate e lettere minatorie dall'amico d'infanzia Eddie Greenberg, col quale in Indiana conduceva fortunate trasmissioni radio al college ed all'università. Eddie vuole che lui riveli in diretta un episodio oscuro che li ha visti coinvolti, e per convincere lo spaventato ma ancora dubbioso amico, dopo avergli fatto trovare una loro foto del college nella tasca del figlio, uccide una donna per strada; gli fa trovare sotto casa un cane morto nell'automobile della moglie defunta, Muriel; uccide la sua guardia del corpo, Myers, e terrorizza Ted Gardner, il padre di Arnold, giudice in pensione, già colpito da ictus, che viene ricoverato. La polizia allontana i figli e la moglie, cui Arnold ha dovuto svelare la verità, ma alla fine deve cedere ed accettare un confronto in diretta. Incalzato dall'amico, morente per un tumore, Arnold rivela del loro sturpo, ai tempi del college, ai danni di Muriel, allora quindicenne, che rimase incinta. Grazie all'autorità del giudice Gardner, padre di Arnold, questi riuscì a cavarsela con un indennizzo, mentre Eddie sposò Muriel. Mentre Ted muore in ospedale, la polizia localizza Eddie a casa di Arnold. L'uomo si spara alla presenza di Arnold, reo di essersi dimenticato di lui e di Muriel, morta tre anni prima di distrofia.

Valutazione Pastorale

Pupi Avati sembra come affascinato dalle contraddizioni che ogni sentimento umano reca con sè: è lo stesso regista a spiegare che intende stigmatizzare, più che il mezzo televisivo "... quella sorta di conduttore che, con atteggiamento intrepido, forte di sani convincimenti e tenacemente ancorato ad un'inoppugnabile morale, attacca ogni sera sui teleschermi di tutto il mondo occidentale i potenti, denunciandone i soprusi". Ma il film è anche la storia del tradimento di un'amicizia: tradimento perpetrato da Arnold che, una volta liberatosi dall'incubo della "ragazzata", vuole dimenticare il passato ed Eddie con esso. Ma anche Eddie che, deciso a suicidarsi col fucile, viene come ipnotizzato dall'idea della grandiosa e spietata rivincita che può prendersi nei confronti di Arnold, che lo ha tradito ed abbandonato, non gli è da meno. Scrive ancora Avati: "...come l'amicizia e l'amore possano trasformarsi, col passar del tempo, nel loro opposto, è una sorta di fissazione che mi accompagna da tempo: come in un sentimento sia contenuto per intero il suo contrario, pronto ad andare ad insediarsi, occupandone lo stesso spazio, con la stessa passionalità, con identica violenza". Il carattere alquanto manicheo di questi argomenti suscita non poche perplessità, evidentemente, a livello pastorale: del resto, a parte il tono sovente tetro e disperato, ed i contenuti non certo accettabili, la pellicola, fotografata con toni cupi, plumbei, e che talora rischia di apparire farraginosa, sembra sottolineare un destino pesante ed ineludibile che, più che far giustizia, si limita a falciare con sbrigativa, impassibile crudeltà vite e sentimenti.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film