LE COLLINE HANNO GLI OCCHI 2

Valutazione
Inaccettabile, farneticante
Tematica
Morte, Violenza
Genere
Horror
Regia
Martin Weisz
Durata
90'
Anno di uscita
2007
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
The Hills Have Eyes 2
Distribuzione
20th Century Fox Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Wes Craven, Jonathan Craven basato sui personaggi creati da Wes Craven
Musiche
Trevor Morris
Montaggio
Kirk M. Morri, Sue Blainey

Orig.: Stati Uniti (2007) - Sogg.: basato sui personaggi creati da Wes Craven - Scenegg.: Wes Craven, Jonathan Craven - Fotogr.(Scope/a colori): Sam McCurdy - Mus.: Trevor Morris - Montagg.: Kirk M. Morri, Sue Blainey - Dur.: 90' - Produz.: Wes Craven, Peter Locke, Marianne Maddalena - VIETATO AI MINORI DI 14 ANNI.

Interpreti e ruoli

Michael McMillian ('Napoleon' Napoli), Jessica Stroup (Amber), Daniella Alonso (Missy), Jacob Vargas (Crank), Lee Thompson Young (Delmar), Ben Crowley (Stump), Eric Edelstein (caporale Splitter), Flex Alexander (serg. Jeffrey 'Sarge' Millstone), Reshad Strik (Mickey), David Reynolds . (Hansel)

Soggetto

In missione di addestramento nel deserto, un plotone di reclute della Guardia Nazionale avverte la presenza di starni, invisibili pericoli. Alcuni si staccano per andare a vedere da vicino i luoghi da dove arrivano rumori e minacce. Altri rimangono al campo. Per tutti però si profila lo scontro con un nemico terribile: i misteriosi mutanti, uomini abbandonati sul posto e diventati mostri dopo le radiazioni seguite agli esperimenti nucleari di anni prima. Per quasi tutti i soldati arriva la morte. Si salvano solo in tre, ma nessuno tuttavia ammette l'esistenza di quel pericolo.

Valutazione Pastorale

Si tratta di un 'seguito' sostanzialmente inutile. Messaggi politici? Denuncia? Letture simboliche? Forse solo un "horror", ossia un prodotto di genere, ma senza slanci di inventiva, né voglia di cercare qualcosa di nuovo. Resta un diluvio di effettacci, di sangue e efferatezze varie, con tendenza alla noia come stato prevalente durante la visione, ma anche di eccessi non sempre ascrivibili alla volontà di fare 'suspence'. Un film da dimenticare che, dal punto di vista pastorale, é da valutare come inaccettabile e del tutto farneticante. UTILIZZAZIONE: é da escludere sia dalla programmazione ordinaria sia da altre situazioni. Nonostante il divieto ai 14 anni, molta attenzione é da tenere per i minori in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV