OMICIDIO AL CAIRO

Valutazione
Complesso, Problematico, dibattiti
Tematica
Giallo - Triller, Giustizia, Politica-Società, Storia, Violenza
Genere
Drammatico
Regia
Tarik Saleh
Durata
106'
Anno di uscita
2018
Nazionalità
Danimarca, Germania, Svezia
Titolo Originale
The Nile Hotel Incident
Distribuzione
Movie Inspired
Musiche
Krister Linder
Montaggio
Theis Schmidt

Orig.: Svezia, Danimarca, Germania (2017) - Sogg.e scenegg.: Tarik Saleh - Fotogr.(Panoramica/a col.): Pierre Aim - Mus.: Krister Linder - Montagg.: Theis Schmidt - Dur.: 106' - Produz.: Kristina Alberg.

Interpreti e ruoli

Fares Fares (Noredin Mostafa), Mari Malek (Salwa), Yasser Alì Maher (Capo Polizia Mostafa), Ahmed Selim (Hatem Shafiq), Hania Amar (Gina), Mohamed Yousry (Momo), Slimane Dazi . (Killer), Hichem Yacoubi (Nagui), Ger Duany . (Clinton)

Soggetto

In servizio presso la polizia del Cairo, Noredin Mustafa riceve l'incarico di indagare sul caso di una cantante trovata uccisa in una stanza dell'Hotel Nile Hilton. Scopre ben presto che la donna aveva una relazione segreta con il proprietario dell'albergo, ricco imprenditore e membro del parlamento...

Valutazione Pastorale

Dopo un inizio con qualche incertezza, necessario a mettere bene sul tavolo luoghi, situazioni, personaggi, la storia imbocca il binario giusto, che è quello della storia a tinte 'gialle', con doverosa suspence di contorno. Lo scenario c'è tutto: la metropoli disordinata e misteriosa, un commissario stretto tra carriera e colleghi non sempre affidabili, un albergo dove si commette un omicidio all'apparenza inspiegabile. La location però qualche cosa in più deve avere, e così ecco che, svolgendosi su terreno egiziano, il fatto s'intreccia con un altro, politico/sociale, ben più importante: la primavera araba è alle porta, anzi esplode proprio mentre il commissario indaga, e l'indagine finisce per intrecciarsi e confondersi con la confusione che dilania la capitale per altri motivi. Il quadro civile si unisce perciò a quello politico e a quello giudiziario. Il copione si fa allora intenso e sfaccettato, ritratto di un paese che ha sperato di risolvere alcuni problemi proprio mentre ne nascevano altri. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come complesso, problematico e adatto per dibattiti.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare i programmazione ordinaria, preferibilmente per occasioni di cineforum e cinema d'essai. Da vedere allargando la riflessione con contributi e dibattiti sul momento della primavera araba e sullo scenario delicato e instabile dei paesi arabi.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film