PICCOLI OMICIDI TRA AMICI

Valutazione
Inaccettabile, Negativo
Tematica
Genere
Grottesco
Regia
Danny Boyle
Durata
90'
Anno di uscita
1995
Nazionalità
Gran Bretagna
Titolo Originale
SHALLOW GRAVE
Distribuzione
Medusa Film
Soggetto e Sceneggiatura
John Hodge
Musiche
Simon Boswell
Montaggio
Masahiro Hirakubo

Sogg. e Scenegg.: John Hodge - Fotogr.: (normale/a colori) Brian Tufano - Mus.: Simon Boswell - Montagg.: Masahiro Hirakubo - Dur.: 90' - Produz.: Andrew Mac Donald

Interpreti e ruoli

Ewan Mc Gregor (Alex Law), Christopher Eccleston (David Stephens), Kerry Fox (Juliet Miller), Keith Allen (Hugo), Kenn Stott (Ispettore Mc Call), Colin Mc Credié, Victoria Nairn, Gary Lewis, Peter Mullan, Jean Marie Coffey, Leonard O' Malley, Frances Low, John Bett, Robert David Mac Donald, John Hodge

Soggetto

in Scozia, tre giovani (Alex Law, cronista, David Stephens, impiegato e Juliet Miller, medico), vorrebbero dividere l'appartamento in affitto con un quarto coinquilino. Dopo laboriose selezioni i tre giovani scelgono il taciturno e riservato Hugo, che viene poco dopo trovato cadavere. Avendo trovato tra le sue cose una valigia contenente molto denaro, Alex, David e Juliet si convincono a tenersi i soldi ed a seppellire il cadavere dopo che a David è toccato l'ingrato compito di segarne le estremità e sfigurarne il volto. Frattanto due malviventi, dopo aver torturato un complice di Hugo per scoprirne l'indirizzo, cercano di penetrare nell'appartamento dei tre giovani: allarmato , David si ritira in soffitta e nasconde "il malloppo" in un cassone mentre i due banditi sorprendono Juliet ed Alex. Questi, malmenato, indica la soffitta: qui David elimina i due malviventi che vengono sepolti con Hugo. Poi Juliet compra un biglietto per Rio, mentre David, sempre più claustrofobo, osserva dalla soffitta il piano di sotto tramite buchi. L'ispettore di polizia Mc Call comincia ad indagare e il direttore del giornale affida ad Alex il servizio sul ritrovamento dei tre cadaveri. E' il panico: Juliet, messa alle strette, cede alle voglie di David, che vuole ormai dileguarsi con il "malloppo" visto che ha scoperto che gli altri volevano derubarlo. Ma Alex interviene, e nella colluttazione viene "inchiodato" al pavimento con un coltello da cucina. Intanto Juliet, dopo aver pugnalato David alla gola, scappa con la valigia, che si rivela piena di carta: il "malloppo" è stato astutamente, in precedenza, nascosto.

Valutazione Pastorale

film tra il grottesco ed il noir che, iniziato con molta vivacità, ben presto deborda nel grand guignol e nell'esercitazione sadico-macabra senza alcun riscatto umoristico. Gli attori sono bravi, la fotografia è spesso suggestiva, ma tutto sommato manca la suspense e soprattutto il tono surreale, che il personaggio di David dovrebbe evocare, risulta alquanto posticcio. Si tratta in sostanza di un'esercitazione letteraria, molto fredda, molto provocatoria nelle immagini e nell'argomento, con evidenti riferimenti e citazioni filmiche in chiave tra l'ironico e il grottesco. Si evidenziano le scene spinte al parossismo, e la mancanza di ironia e soprattutto di eleganza di cui questo genere, assai difficile da gestire, ha soprattutto bisogno. Un pubblico eterogeneo non può rimanere indifferente ai messaggi negativi di cui il film è permeato e soprattutto non può bastare come contrappunto a tanto squallore il fioco barlume dell'amicizia poi corrotta e stravolta dal denaro.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film