PRETTY WOMAN (UNA RAGAZZA DELIZIOSA) *

Valutazione
Discutibile, Scabrosità
Tematica
Avidità, Denaro, Donna, Sessualità
Genere
Commedia
Regia
Garry Marshall
Durata
117'
Anno di uscita
1990
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
PRETTY WOMAN
Distribuzione
Warner Bros Italia
Musiche
James Newton Howard
Montaggio
Priscilla Nedd

Sogg. e scenegg.: J.F. Lawton - Fotogr. (normale/a colori): Charles Minsky - Mus.: James Newton Howard - Montagg.: Priscilla Nedd - Dur.: 117' - Produz.: Arnon Milchan.

Interpreti e ruoli

Richard Gere (Edward Lewis), Julia Roberts (Vivian Ward), Hector Elizondo (Thompson), Ralph Bellamy (James Morse), Jason Alexander (Philip Stuckey), Laura Sangiacomo (Kit De Luca), Alex Hyde White (David Morse), Amy Yasbeck (Elizabeth Stuckey), Ezinor Donahue . (Bridget)

Soggetto

L'affascinante Edward Lewis, un affarista senza scrupoli, e di grande successo, specialista nell'acquistare grosse società in dissesto, che poi rivende, dopo averle smembrate, con forte guadagno, trovandosi a Hollywood per concludere uno di questi affari, per avere indicazioni di una strada di Beverly Hilis accetta di far salire sulla sua automobile una simpatica prostituta, Vivian Ward. Edward, che è rimasto colpito dalla originale personalità e dalla bellezza della ragazza, la ingaggia per tutta la settimana che deve trascorrere a Hollywood, offrendole molto denaro. Lewis, troppo preso dagli affari, non ha mai tempo per i sentimenti perciò ora è in crisi, perchè, separato già da tempo dalla moglie, ha appena rotto i rapporti con l'amante. Quando il suo avvocato e amico Philip, che collabora con lui per l'affare in corso, gli consiglia di condurre con sé una ragazza alla cena d'affari con l'anziano magnate James Morse, capo della grossa compagnia marittima che Lewis vuole acquistare, Edward invita Vivian ad accompagnarlo, dandole molti soldi per comprarsi gli abiti adatti. Vestita coi suoi indumenti volgari e impacciata, Vivian si trova a disagio in un negozio di lusso, da dove viene cacciata, ma per fortuna l'aiuta con simpatia il direttore dell'albergo, Thompson, che non solo la manda nella sartoria di una sua amica, ma le insegna anche come comportarsi a tavola. E la cena ha successo, anche se Morse non vorrebbe dividere la sua società e alla fine sarà esaudito. Intanto Edward e Vivian scoprono di star molto bene insieme, il loro rapporto si arricchisce e presto i due si amano. Lui le fa frequentare ambienti eleganti conducendola anche a teatro; lei gli fa riscoprire l'amore e il disinteresse. Al momento di lasciarsi, Edward le offre una sistemazione stabile, con soldi e appartamento di lusso, ma lei rifiuta perchè ha sempre sognato un amore da favola e pretende il principe azzurro. Dopo aver cacciato e picchiato Philip, che ha insultato la ragazza, cercando poi di violentarla, Edward, comprendendo di amarla sinceramente, le propone di sposarla.

Valutazione Pastorale

Certo, si tratta di una storia convenzionale e a volte molto ingenua (come l'episodio in cui Vivian assiste alla "Traviata"), ma nell'insieme il film risulta assai piacevole condotto con indubbia eleganza, ed è, soprattutto, molto ben recitato dai protagonisti: Richard Gere e Julia Roberts nel ruolo di Vivian. Dal punto di vista morale, è positiva la modificazione del comportamento spregiudicato di ognuno dei due protagonisti l'uno dei quali scopre di essere ancora capace di provare profondi e buoni sentimenti (sacrificando un enorme guadagno) mentre l'altra trova quella dignità, che la sua precedente vita le aveva negato, e rifiutando il solo benessere economico, pretende invece un vero amore. Il film risulta un po' troppo lungo, e si nota che la prima parte, più spregiudicata, è più viva della seconda, che appare troppo edulcorata, specie nel finale. Alcune scene e situazioni scabrose richiedono la valutazione.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film