PRIEST

Valutazione
Futile, violento
Tematica
Fumetti- Graphic novel, Violenza
Genere
Horror/Fantasy
Regia
Scott Stewart
Durata
90'
Anno di uscita
2011
Nazionalità
Stati Uniti
Distribuzione
Sony Pictures Releasing Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Cory Goodman tratto dalla graphic novel omonima di Hyung Min Woo
Musiche
Christopher Young
Montaggio
Lisa Zeno Churgin

Orig.: Stati Uniti (2010) - Sogg.: tratto dalla graphic novel omonima di Hyung Min Woo - Scenegg.: Cory Goodman -Fotogr.(Scope/a colori): Don Burgess - Mus.: Christopher Young - Montagg.: Lisa Zeno Churgin - Dur.: 90' - Produz.: Sam Raimi, Mitchell Peck, Joshua Donen, Michael De Luca - VIETATO AI MINORI DI 14 ANNI.

Interpreti e ruoli

Paul Bettany (il prete), Karl Urban (Black Hat), Cam Gigandet (Hicks), Maggie Q . (sacerdotessa), Lily Collins (Lucy Pace), Brad Dourif (il commerciante), Stephen Moyer (Owen Pace), Christopher Plummer (Orelas), Alan Dale (Chamberlain)

Soggetto

Sulla Terra sopravvissuta all'apocalisse, e alla fine della guerra tra umani e vampiri, un sacerdote guerriero parte da una città super blindata alla ricerca di una ragazza rapita da alcuni vampiri assassini. Insieme al fidanzato della ragazza e a una sacerdotessa coraggiosa, il sacerdote raggiunge l'obiettivo. Si scopre alla fine che la giovane è invece sua figlia, e che una nuova guerra tra vampiri e umani è forse inevitabile...

Valutazione Pastorale

Fantastico, horror e, quale linea d'unione, tutto il repertorio legato a chiesa, religione, uomini e donne in divisa ecclesiale: una miscela terribile e ridotta a vacuità totalizzante. Per fortuna anche minimamente accennare a spiritualità, fede e altro è palesemente estraneo al racconto: nessuna confusione è possibile, la asfissiante pesantezza dell'immagine fintamente spettacolare toglie respiro al racconto, gli effetti speciali annullano l'azione, frasi roboanti (Con o senza chiesa siamo sacerdoti) naufragano in un ridicolo aggravato da sparse crudezze più adatte all'horror. Un film da dimenticare che, dal punto di vista pastorale, è da valutare come futile e del tutto violento.

Utilizzazione

Il film può essere trascurato, sia in programmazione ordinaria sia in altre circostanze. C'è il divieto ai 14 anni e pertanto molta attenzione è da tenere per minori e piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di dvd e di altri supporti tecnici.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV