SLEEPERS * * *

Valutazione
Discutibile, Problematico, Dibattiti
Tematica
Adolescenza, Amicizia, Delinquenza minorile, Giustizia
Genere
Drammatico
Regia
Barry Levinson
Durata
140'
Anno di uscita
1996
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
SLEEPERS
Distribuzione
I.I.F.
Soggetto e Sceneggiatura
Barry Levinson liberamente tratto dal romanzo omonimo di Lorenzo Carcaterra
Musiche
John Williams

Sogg.: liberamente tratto dal romanzo omonimo di Lorenzo Carcaterra - Scenegg.: Barry Levinson -Fotogr.: (scope/a colori) Michael Ballhaus - Mus.: John Williams - Mon-tagg.: Stu Linder - Dur.: 140' - Produz.: Barry Levinson, Steve Golin

Interpreti e ruoli

Kevin Bacon (Nokes), Billy Crudup (Tommy), Robert De Niro (Padre Bobby Carrillo), Dustin Hoffman (Danny Snyder), Brat Pitt (Michael), Jason Patric (Lorenzo), Ron Eldard (John), Vittorio Gassman, Joseph Perrino, Brad Renfro, Jonathan Tucker, Geoff Wigdor, Minnie Dri-ver, Terry Kinney, Bruno Kirby, Frank Medrano

Soggetto

Nell'estate del 1966 ad Hell's Kitchen, nell'East Side di Manhat-tan, quattro ragazzi Lorenzo, soprannominato Shakes, Michael, John e Tommy compiono una bravata ai danni di un venditore greco di hot dog causando quasi la morte di un anziano all'uscita della metropolitana. Con-dannati a 18 mesi di riformatorio i ragazzi subiscono molte atroci violenze psichiche e fisiche di alcuni agenti di custodia, tra cui spiccano il sadico Nokes e Ferguson. Una successiva partita di rugby, vinta a sorpresa dai ragazzi, causa l'inasprirsi delle violenze delle guardie e la morte del nero Rizzi, capo carismatico dei ragazzi. Un sacerdote, padre Bobby Carrillo, in visita, tenta di dare coraggio a Leonardo, che prima di uscire viene sottopo-sto coi suoi amici ad un'ultima atroce notte di sevizie. Dopo molti anni nel 1981 nel pub di Hell's Kitchen, Tommy e John, divenuti gangster e killer, scoprono Nokes che sta pranzando e lo uccidono a revolverate. La presenza di testimoni oculari sembra non dare loro scampo, ma Michael, divenuto a suo tempo procuratore, e Leonardo, divenuto intanto giornalista, con l'aiuto di King Benny, il padrino locale che ha avuto sempre simpatia per loro, manipolano il processo con l'aiuto di Danny Snyder, un avvocato alcolizza-to. Benny intanto si occupa delle altre guardie implicate nelle sevizie: Styler, del servizio di sicurezza del sindaco, che prende tangenti dagli spacciatori ed è ancora dedito alla pedofilia, viene "incastrato" da un ispettore amico di Shakes, cui questi fornisce prove schiaccianti tramite Benny. Addison, l'as-sassino del nero Rizzi, viene ucciso dal fratello di questi, un boss della droga cui Benny lo consegna. Al processo Michael, sfidando l'ira del quartiere e degli amici, che ignorano il complotto, attraverso la testimonianza-chiave di Ferguson, che ammette le atrocità di Nokes screditandone l'immagine, e l'ambigua testimonianza di Padre Bobby, riesce a fare scagionare Tommy e John. Dopo un'ultima sera con Carol, l'amica d'infanzia del gruppo, ognuno prende una strada diversa. Tommy e John moriranno violentemente; Leonar-do si sposerà; Michael lascerà la carriera forense per ritirarsi in Inghilterra.

Valutazione Pastorale

Condotto con grande mestiere il film si divide in tre parti: la prima, breve ma convincente, è l'infanzia sulla strada, i riti metropo-litani di un quartiere con usi, costumi e leggi non scritte ma inesorabili coi trasgressori; la seconda ripercorre il filone carcerario con una violenza, una perversione ed un'illegalità talmente efferate ed impunite da suscitare qual-che perplessità, anche se la sostanza dei fatti narrati, oltreché biografica, è tutt'altro che inverosimile; la terza è il filone forense, il cui fulcro è costitui-to dal dramma coscienziale di un sacerdote che ha testimoniato in maniera ambigua pur di salvare i suoi ragazzi dalla galera. Decisione difficile da giu-dicare, anche in un contesto "pesante" come quello presentato dal film. Padre Bobby non solo sa cosa è successo nel riformatorio ma è stato egli stesso "ospite" in quel riformatorio. Il suo gesto rimane comunque moral-mente grave. La denuncia di un certo ambiente e dei possibili abusi di perso-ne deputate al recupero di ragazzi che finiscono per rovinare è netta e ine-quivocabile e risulta il lato positivo del film.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film