Teen Spirit – A un passo dal sogno

Valutazione
Complesso, Problematico, Adatto per dibattiti
Tematica
Famiglia, Giovani, Musica
Genere
Drammatico
Regia
Max Minghella
Durata
93'
Anno di uscita
2019
Nazionalità
Usa
Distribuzione
Notorius Pictures
Soggetto e Sceneggiatura
Max Minghella
Fotografia
Autumn Durald
Musiche
Marius De Vries
Montaggio
Cam McLauchlin

Interpreti e ruoli

Millie Brady (Anastasia), Elle Fanning (Violet), Elizabeth Berrington (Lorene), Viktorija Faith (Clubber), Antonia Clarke (Alice), Jon Locke (Gary), Zlatko Buric (Vlad)

Soggetto

Violet, 16 anni, vive da sola con sua madre all’isola di Wight. Sogna di fare la cantante e quando apprende che sono aperte le iscrizioni per il talent show Teen Star, decide di partecipare. Con il supporto di Vlad, uno slavo ex cantante lirico…

Valutazione Pastorale

Il titolo poteva essere qualcosa tipo “Una ragazza e il suo sogno”, o “ Un concorso per affermarsi”. E molti altri su questa falsariga. Per dire che il plot non può dirsi nuovo, e la spinta narrativa procede lungo percorsi già visti. La storia di Violet, ragazza timida e solitaria, abitante nella famosa e tuttavia poco frequentata Isola di Wight, è esemplare di una vita difficile e spigolosa: la mamma è rimasta sola, la scuola è poco gratificante, una comunità religiosa infonde regole rigide di buone maniere. Così nasce e matura la voglia del concorso. E il rapido seguito: le selezioni, la vittoria, l’arrivo a Londra per il gran finale, il contatto con dorato mondo dello spettacolo, della musica. Le discoteche, un bicchiere in più, le tentazioni dei rapporti, il pentimento, le lacrime, il trionfo finale con sorpresa. Anche a dirlo così, sembra un deja vu, e in effetti sullo soglia di rischiare qualche novità il copione inciampa e sbatte su una ripetitività poco entusiasmante. Insomma l’emozione, per quanto stimolata, latita, anche nei risvolti narrativi (lo slavo che arriva a Parigi per trovare la figlia), e risulta alquanto sottotono. Elle Fanning nel ruolo di Violet, fa il meglio con voce e gestualità per proporsi come una simil Lady Gaga. E forse col tempo potrà fare strada. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come complesso, problematico e adatto per dibattiti.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in successive occasioni, per avviare riflessioni sul tema del rapporto giovani, musica, famiglia.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film