UNO SU DUE

Valutazione
Accettabile, Problematico, dibattiti
Tematica
Amicizia, Avidità, Denaro, Lavoro, Malattia, Solidarietà-Amore
Genere
Commedia
Regia
Eugenio Cappuccio
Durata
100'
Anno di uscita
2007
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
/////
Distribuzione
01 Distribution
Soggetto e Sceneggiatura
Michele Pellegrini, Francesco Cenni, Massimo Gaudioso, Eugenio Cappuccio in collaborazione con Fabio Volo Michele Pellegrini, Francesco Cenni
Musiche
Francesco Cerasi
Montaggio
Fabio Nunziata

Orig.: Italia (2006) - Sogg.: Michele Pellegrini, Francesco Cenni - Scenegg.: Michele Pellegrini, Francesco Cenni, Massimo Gaudioso, Eugenio Cappuccio in collaborazione con Fabio Volo - Fotogr.(Scope/a colori): Gian Filippo Corticelli - Mus.: Francesco Cerasi - Montagg.: Fabio Nunziata - Dur.: 100' - Produz.: Beppe Caschetto.

Interpreti e ruoli

Fabio Volo (Lorenzo Maggi), Anita Caprioli (Silvia), Ninetto Davoli (Giovanni), Giuseppe Battiston (Paolo Albini), Tresy Taddei (Tresy), Agostina Belli (Elena), Paola Rota (Antonia), Francesco Crescimone (Crescimone), Emanuela Spartà (sorella di Tresy), Luca Martella (istruttore di parapendio), Pino Calabrese . (dott. Ferretti)

Soggetto

Lorenzo Maggi, avvocato 35enne, si prepara ad un momento importante per il lancio definitivo della propria carriera: un grosso affare con la Russia che permetterà a lui e al suo amico e socio Paolo di acquisire richezza e credibilità. Ma un giorno, all'uscita dal tribunale, Lorenzo perde i sensi, sviene, si risveglia in ospedale. Accanto a lui c'è Giovanni, ex camionista romano, un malato grave che fa finta di non esserlo. Dopo vari esami clinici, i medici dicono a Lorenzo che può andare a casa in attesa dell'esito della biopsia. Ma riprendere a lavorare come se niente fosse, risulta impossibile. Così Lorenzo torna in ospedale per parlare con Giovanni, ascoltarlo e capire che ha una figlia, Tresy, pochissimo vista. Ora Lorenzo si da un compito preciso: trovare Tresy e portarla al capezzale del padre. Così accade, dopo molta fatica. E Lorenzo si appresta a ricevere il verdetto del suo medico curante.

Valutazione Pastorale

Tra i registi italiani dell'ultima generazione, Eugenio Cappuccio si segnala per l'intensità dei temi affrontati e il solido impianto narrativo che li sorregge. Dopo 'Volevo solo dormirle addosso', 'Uno su due' conferma la scelta di porsi nella prospettiva di una approfondita ricerca di senso. La malattia arriva inattesa e scatena una ridda di sensazioni tali da obbligare Lorenzo ad aprire gli occhi su ciò che fino a quel momento non aveva visto. "Ma -dice Cappuccio- non c'è un lieto fine, piuttosto un fine lieto. Non bisogna promettere troppo allo spettatore. L'obiettivo é raccontare il percorso di una metamorfosi nei toni di una commedia di oggi: la trasformazione profonda di un uomo senza particolari, apparenti, qualità". La malattia che ci riguarda induce a considerare anche il dolore di chi ci sta vicino, del nostro prossimo. Da qui si parte per recuperare il valore della vita e delle piccole cose. Dal punto di vista pastorale, il film, ben condotto e ben interpretato, é da valutare come accettabile, senz'altro problematico e adatto per dibattiti. UTILIZZAZIONE: il film é da utilizzare in programmazione ordinaria, e da proporre in altre circostanze, come prodotto italiano denso di spunti di riflessione.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV