3/19

Valutazione
Consigliabile, Problematico, Adatto per dibattiti
Tematica
Amore-Sentimenti, Denaro, Emigrazione, Famiglia - fratelli sorelle, Famiglia - genitori figli, Lavoro, Solidarietà
Genere
Drammatico
Regia
Silvio Soldini
Durata
120'
Anno di uscita
2021
Nazionalità
Italia/Svizzera
Titolo Originale
Id.
Distribuzione
Vision Distribution
Soggetto e Sceneggiatura
Doriana Leondeff, Davide Lantieri, Silvio Soldini
Fotografia
Matteo Cocco
Musiche
Gian Luigi Carlone
Montaggio
Giorgio Garini, Carlotta Cristiani
Produzione
Italia-Svizzera LUMIÈRE & CO. e VISION DISTRIBUTION | VENTURA FILM, in coproduzione con RSI RADIOTELEVISIONE SVIZZERA/SRG SSR

Interpreti e ruoli

Kasia Smutniak (Camilla Corti), Francesco Colella (Bruno), Paolo Mazzarelli (Maurizio), Martina De Santis (Lisa), Antonio Zavatteri (Steve), Anna Ferzetti (Bea), Caterina Forza (Adele), Giuseppe Cederna (Direttore mensa)

Soggetto

Camilla Corti è un avvocato di successo, nel mondo della finanza milanese e internazionale. Divorziata vive con la figlia ventenne, Adele. Una notte viene investita da due giovani in motorino che, per cercare di evitarla finiscono a terra. Il conducente si rialza e fugge, il passeggero resterà sull’asfalto. Camilla cambierà per sempre…

Valutazione Pastorale

Silvio Soldini, documentarista e regista di lungo corso, del quale ricordiamo “Pani e Tulipani” (vincitore di due David di Donatello nel 2000), “Agata e la tempesta” (2004) e “Il colore nascosto delle cose” (2017), dirige “3/19” intenso film sulla responsabilità verso il prossimo, non quella sancita dalle leggi, ma quella incisa nella profondità del cuore di ciascuno di noi. La storia. Camilla (Kasia Smutniak) è un avvocato di successo, in procinto di entrare, come socia alla pari, in uno dei più importanti studi di Milano. Divorziata, vive in un lussuoso appartamento con la figlia Adele, ventenne insofferente e ribelle in cerca della propria strada. Ha una relazione inconcludente che si trascina da più di due anni con un collega sposato. Una notte piovosa viene investita da due giovani in motorino che, per cercare di evitarla, finiscono a terra. Il conducente si rialza e fugge, il passeggero resta sull’asfalto e muore poco dopo in ospedale. Camilla vuole a tutti i costi dare un nome al giovane morto (un immigrato privo di documenti) e garantirgli una sepoltura dignitosa. Sarà un percorso lungo e non privo di ostacoli che la porterà a rivedere profondamente le proprie scelte, sentimentali e lavorative; a uno scontro-confronto con la figlia, troppo a lungo evitato, ma soprattutto ad affrontare un trauma familiare accuratamente nascosto. Nel suo percorso trova un inaspettato aiuto nel direttore dell’obitorio, Bruno, a cui regala una mite, ma intensa umanità, un bravissimo Francesco Colella. Al di là di alcuni situazioni al limite della verosimiglianza (nei discontinui impegni lavorativi di Camilla, nel suo entrare e uscire liberamente dall’obitorio, piuttosto angusto e dimesso per essere quello di una metropoli), della scelta, non proprio originalissima, di proporre un viaggio in auto madre-figlia come occasione per ritrovarsi, e di alcune lungaggini e disgressioni che rischiano di far perdere ritmo e pathos al racconto, il film “3/19” (titolo che indica come vengono catalogati i cadaveri non identificati nell’obitorio: numero d’ingresso e anno) si rivela un’opera valida e coinvolgente. Una storia di traumi affrontati, e forse, risolti, di guarigione interiore, di apertura agli altri e al futuro. Dal punto di vista pastorale “3/19” è consigliabile, problematico e adatto per dibattiti.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in successive occasioni per riflettere sui temi della solidarietà, della responsabilità nei confronti del prossimo, dell’importanza dei legami familiari e dell’etica del lavoro.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca Film - SerieTv
Ricerca Film - SerieTV