ANGELA

Valutazione
Discutibile, Problematico, dibattiti**
Tematica
Donna, Droga, Mafia, Matrimonio - coppia
Genere
Drammatico
Regia
Roberta Torre
Durata
95'
Anno di uscita
2002
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
/////
Distribuzione
Lucky Red
Soggetto e Sceneggiatura
Roberta Torre e Massimo D'Anolfi Roberta Torre
Musiche
Andrea Guerra
Montaggio
Roberto Missiroli

Orig.: Italia (2002) - Sogg.: Roberta Torre -Scenegg.: Roberta Torre e Massimo D'Anolfi - Fotogr.(Panoramica/a colori): Daniele Ciprì -Mus.: Andrea Guerra - Montagg.: Roberto Missiroli - Dur.: 95' - Produz.: Lierka e Rita Rusic.

Interpreti e ruoli

Donatella Finocchiaro (Angela), Andrea Di Stefano (Masino), Mario Pupella (Saro), Erasmo Lobello (Mimmo), Tony Gambino (Santino), Matteo Gulino (Paolino), Maria Mistretta . (Minica)

Soggetto

Palermo 1984. Giovane moglie di Saro, boss della zona di Ballarò, Angela manda avanti un negozio di calzature, attività di copertura per organizzare il traffico di droga. Un giorno nel negozio arriva Masino Santalucia, che Saro presenta come suo amico e protetto. Tra i due cominciano alcune colloqui, dapprima a distanza poi in modi sempre più ravvicinati. Finchè nel retrobottega i due si scambiano il loro primo bacio, e poi hanno un rapporto. Da quel momento prende il via una relazione tanto clandestina quanto passionale. Gli incontri avvengono a casa di lui, dove Angela va di nascosto, a volte inventando scuse ma con la certezza di aver riscoperto nuove emozioni nell'incontro con Masino. I loro colloqui telefonici sono stati intercettati dalla polizia, che è sulle tracce del boss. Messi insieme elementi sufficienti, le forze dell'ordine irrompono nel negozio e arresta tutti. Dopo qualche giorno, Angela viene inviata agli arresti domiciliari. Quando va a colloquio con il marito, Saro è venuto a sapere del tradimento e minaccia lei e Masino. Al termine del processo, vengono tutti assolti, tranne Saro, condannato ad 11 anni. Masino dice ad Angela di voler partire e la invita ad andare al bar del porto ad aspettarlo. La mattina dopo Angela é lì ad aspettarlo. Il primo giorno, il secondo, quelli a venire...

Valutazione Pastorale

Milanese di nascita, Roberta Torre ha da sempre avvertito il bisogno di concentrarsi sulla Sicilia, quasi avvertendone la stratificata complessità sociale. Così, dopo i primi due titoli, concepiti in forma di musical sgangherati e un po' stucchevoli ("Tano da morire", "Sud side story"), alla terza prova la regista affronta in modo meno evasivo il triste fenomeno siciliano della mafia. Meno evasivo ma in effetti anche stavolta in modo indiretto. Al centro del copione non c'è infatti un'analisi delle azioni, dei comportamenti, delle motivazioni delle varie bande, ma una donna, giovane moglie di un boss più anziano. Mentre quindi da un lato si snoda la cronaca, (le indagini, gli arresti, i processi), dall'altro c'é Angela al centro di tutto questo. Angela moglie fedele in quella prospettiva che non esclude di vedere nella moglie un oggetto al proprio servizio. Angela che cerca di comunicare al marito il proprio momento di disagio, non è ascoltata e trova in Masino lo slancio per sentirsi di nuovo viva. Angela che però capisce come uscire dal cerchio della malavita sia impresa improba, e allora nel finale precipita di nuovo nel dolore e nell'incertezza. La fedeltà al marito è un valore limitato o assoluto? Aspirare ad una migliore felicità personale é possibile per tutti, o solo per alcuni? Scelte morali forti si impongono. Irrisolto in qualche passaggio (qua e là c'è il tentativo di ingentilire una storia amara e certo non esemplare), il film, ispirato ad una storia vera, é comunque pregevole e non ordinario. Evidente l'intento di denunciare l'idea del crimine, come 'normale' attività quotidiana. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come discutubile, certamente problematico, adatto a dibattiti. UTILIZZAZIONE: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria e, più opportunamente, recuperato come avvio alla discussione sui temi forti e attuali che propone. Qualche attenzione per i minori in caso di passaggi televisivi.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film