ANNABELLE

Valutazione
Complesso, superficialità
Tematica
Famiglia, Male, Tematiche religiose
Genere
Fanta-horror
Regia
John R. Leonetti
Durata
93'
Anno di uscita
2014
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Annabelle
Distribuzione
Warner Bros Pictures Italia
Musiche
Joseph Bishara
Montaggio
Tom Elkins

Orig.: Stati Uniti (2014) - Sogg. e scenegg.: Gary Dauberman - Fotogr.(Scope/a colori): James Kniest - Mus.: Joseph Bishara - Montagg.: Tom Elkins - Dur.: 93' - Produz.: Peter Safran, James Wan.

Interpreti e ruoli

Annabelle Wallis (Mia Form), Ward Horton (John Form), Alfre Woodard (Evelyn), Tony Amendola (Padre Perez), Kerry O'Malley (Sharon Higgins), Brian Howe (Pete Higgins), Eric Ladin . (detective Clarkin)

Soggetto

Alla moglie Mia in procinto di partorire, il medico John Form regala una bambola vintage di grandi dimensioni con indosso un abito da sposa bianco candido. Dopo la nascita di Lia, durante una notte terrificante, la loro abitazione è assalita da una setta satanica che attacca con violenza la coppia. In seguito nelle casa accadono strani episodi che inducono Mia e il marito a trasferirsi in un'altra città. Cambia poco però. I fatti paurosi e incomprensibili si ripetono, e il bersaglio sembra essere la neonata Lia. Mia si confida con il marito circa alcune figure che le appaiono all'improvviso in casa. E lo stesso fa anche con la vicina Evelyn, con il detective Clarkin, con padre Perez. Quella bambola che John aveva gettato nella spazzatura ricompare e sembra l'origine di tutto. Finirà in altre mani...

Valutazione Pastorale

Nel 2013 era uscito "The conjuring - L'evocazione". C'era nella storia Annabelle, protagonista di uno dei casi più famosi di fenomeni paranormali. Ora la bambola torna protagonista assoluta con una vicenda che è da vedere come il prequel dell'altra. Dalla bambola sprigiona una maledizione incontrollabile, tanto più inquietante perché mirata a colpire quella che appare la "coppia perfetta": John e Mia sono belli, giovani,innamorati, genitori di una dolce bambina. Il copione parte con acutezza da questi 'opposti', allargandosi in modo misurato e pertinente alla collocazione storica della vicenda: un'America anni Sessanta stretta tra le luci di uno sviluppo economico da prima potenza mondiale e le ombre di guerra fredda, contestazioni, guerre imminenti. Su questo scenario, la regia con lucidità fa calare una vicenda nella quale la paura è tanto misteriosa quanto autentica e tangibie, costruendo alcuni passaggi di imprevisto, palpabile realismo. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come complesso e segnato da qualche superficialità (il male, accennato in modo alquanto didascalico).

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria, tenendo presente il tipo di storia, adatta ad un pubblico di appassionati di horror fantastico e paranormale. Molta attenzione è da tenere per minori e picoli in vista di passaggi televisivi o di uso di dvd e di altri supporti tecnici.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film