ANNO 2053 – LA GRANDE FUGA

Valutazione
Discutibile, crudezze
Tematica
Fantascienza, Violenza
Genere
Fantastico
Regia
Monte Markhan
Durata
105'
Anno di uscita
1992
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
NEON CITY
Distribuzione
I.I.F.
Musiche
Stephen Graziano
Montaggio
David Hagar

Sogg. e scenegg.: Duck Finch, Jeff Begun, Monte Markham - Fotogr.(normale/a colori): Keith Holland - Mus.: Stephen Graziano - Montagg.: David Hagar - Dur.: 105' - Produz.: Wolf Schmidt.

Interpreti e ruoli

Michael Ironside (Henry Stark), Vanity (Reno), Lyle Alzado (Bulk), Valeie Wildman (Sandy), Nick Klar (Tom), Juliet Landau (Twink Teleman), Arsenio 'Sonny' Trinidad (Wing), Richard Sanders . (Dicky Devine)

Soggetto

Nel 2053 nel Nord America devastato, catturata la ribelle Reno, ricercata perché accusata dell’assassinio dei propri genitori, e perché marcata su una mano da una stella rossa, l’ex ranger Henry Stark, ora cacciatore di taglie, l'ammanetta e la porta al centro più vicino. Ma qui apprende che, per riscuotere il premio, dovrà portarla fino a Neon City, dove troverà anche il comandante dei ranger, Jenkins, del quale vuole vendicarsi per l'uccisione del proprio figlioletto, sospettato d'essere un mutante. Alcune persone si riuniscono per raggiungere Neon City su di un traballante autobus, guidato da Bulk, accanto al quale si siede nella cabina di guida un misterioso vecchietto. Oltre ad Henry e alla sua prigioniera Reno, partono anche la bionda Sandy, ex moglie di Stark; l’attore Dicky Devine, spacciatore di droga; il medico, Tom, e una ragazza elegante, Twink Teleman, figlia di un uomo ricchissimo, che l'ha tenuta finora a studiare in Svizzera, dove la gente vive in caverne sotterranee. I viaggiatori debbono attraversare sia un deserto infestato da feroci bande di mutanti, chiamati Skin, che li attaccano continuamente, e sia una nube tossica, che li costringe ad usare le maschere per respirare. Salvatisi da questa nube, incrociano una famiglia orribilmente ustionata dai raggi di un 'bagliore' e costretti, perciò, a cercare la morte. Dopo altri attacchi di Skin, i viaggiatori sono colpiti anch’essi da un 'bagliore' e si salvano, facendo esplodere i serbatoi d'acqua dell’autobus, mentre Dicky, rimasto gravemente ferito, viene ucciso di nascosto da Tom, e poi sepolto. Dopo un bagno ristoratore per tutti, Tom cerca invano di violentare Reno, e costei racconta a Stark la vera storia del suo delitto: i genitori erano adottivi, e affittavano e vendevano molti bambini, poi uccisero di botte una piccola e gli altri incendiarono la casa; lei, allora dodicenne, si accusò per salvare i compagni. Intanto Bulk ha riconosciuto nel vecchietto lo scienziato Zander, ma non lo denuncia, perché sa che sarebbe impiccato, a causa dei danni che ha provocato con l'ozono. Un nuovo attacco degli skin mette in pericolo i viaggiatori¸ i quali si salvano con una prodigiosa arma, data loro da Zander, che lasciano, per ricompensa, partire solo verso la frontiera. Sandy, gravemente ferita, ha un'emorragia e viene uccisa coi barbiturici da Tom, che è solo un falso medico. Giunti infine a Neon City, Stark rinuncia alla vendetta su Jenkins, e salva Reno, affermando che la prigioniera è morta. Poi i due partono insieme in auto, e poco dopo prendono con loro Zander.

Valutazione Pastorale

si tratta di un film molto scadente, fatto tipo western ma in chiave 'fanta-rottamico'. Infatti non si vedono che edifici e oggetti distrutti, e l’insieme riesce ad annoiare profondamente lo spettatore costretto a cercare una logica in una storia, che non ne ha. Il movimento cinematografico è dato tutto dai ripetuti attacchi dei mutanti, che però risultano di una monotonia esasperante. Alcuni buoni sentimenti, come la rinuncia del protagonista alla vendetta, fanno da contrappunto alle numerose crudezze presenti nel film.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film