BABY BOY -Una vita violenta

Valutazione
Inaccettabile, negativo
Tematica
Conflitti etnici, Famiglia, Politica-Società, Sessualità
Genere
Drammatico
Regia
John Singleton
Durata
133'
Anno di uscita
2001
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Baby boy
Distribuzione
Columbia Tristar Films Italia
Musiche
David Arnold
Montaggio
Bruce Cannon

Orig.: Stati Uniti (2001) - Sogg. e scenegg.: John Singleton - Fotogr.(Normale/a colori): Charles E.Mills - Mus.: David Arnold - Montagg.: Bruce Cannon - Dur.: 133' - Produz.: John Singleton - VIETATO AI MINORI DI 14 ANNI.

Interpreti e ruoli

Tyrese Gibson (Jody), Taraji P. Henson (Yvette), Omar Gooding (Sweet Pea), Tamara La Seon Bass (Peanut), Candy Brown Houston (signora Herron), Snoop Doggy Dogg (Rodney), A.J. Johnson (Juanita), Ving Rhames (Melvin), Tracey Cherelle Jones . (Sharika)

Soggetto

A Los Angeles, nella zona di South Central, Jody vive in un piccolo appartamento con la mamma. Jody è disoccupato, ha due bambini avuti da due donne, Peanut e Yvette. A quest'ultima, che lavora come centralinista, fa riferimento sul piano economico e non di rado la costringe ad abortire. Jody passa la giornata per il quartiere in compagnia dell'amico SweetPea, abbordano altre ragazze, spacciano se capita un po' di erba. Quando ha l'occasione di vendere per strada abiti rimediati non si sa dive, Jody comincia a guadagnare qualche soldo. Mentre i rapporti con Yvette restano sempre tesi, in casa arriva il gigantesco Melvin, reduce dalla galera, e Jody teme di essere sfrattato dalla mamma. Le occasioni di lite giornaliera così aumentano a dismisura (con Yvette, con la mamma, con Melvin), e la tensione diventa troppo alta, quando, ancora dal carcere, riappare Rodney, un ex amico di Yvette, che mostra di volersi installare a casa della ragazza. Yvette si ribella e rischia di essere violentata davanti al figlioletto. Gli alterchi successivi tra Rodney e Jody portano il primo a meditare di far fuori Jody. Fallito un agguato, SweetPea convince Jody che deve reagire e a sua volta pensare di eliminarlo. Jody prima lo ferisce, poi é Sweet Pea a colpirlo a morte. Ora i toni sembrano placarsi. Jody e Melvin sono disponibili ad una reciproca comprensione. Jody e Yvette si sposano. Lei aspetta una figlia.

Valutazione Pastorale

Un film "all black". John Singleton, regista di colore e autore del copione, ricorda come è nata l'idea: "Avevo voglia di tornare alle mie radici, a quel South Centraldi Los Angeles dove sono nato da genitori mai sposati, che conosco bene e che ho presentato in tutta la sua violenza nel 1991, quando avevo 23 anni, in "Boyz'n the hood". Ora il mio protagonista ha 36 anni ma non riesca a crescere: pur con due figli da due donne diverse, vive ancora con la madre". Vicenda autobiografica dunque, che certo fotografa realtà dure e ben attuali, dandoci l'idea di un microcosmo degradato dove la vita ogni giorno è battaglia, tensione, nervosismo. Fatte salve queste aderenze al vero (che si innestano in ultima analisi sulle problematiche, per certi versi locali, degli afroamericani e della loro rabbia mai sopita, vedi Spike Lee), non si può non rilevare che, per come si presenta, il racconto si concretizza solo in una ininterrotta sequenza di eccessi: nel linguaggio e nelle immagini. Non sono le situazioni decritte a disturbare ma l'assoluta mancanza di misura che le accompagna: turpiloqio a mitraglia, rapporti sessuali sparsi qua e là, violenze fisiche ripetute, scenate di gelosia come catena di montaggio. Se voleva dimostrare l'esistenza di una sorta di vitalismo primitivo e selvaggio, il regista ha sbagliato i toni. Tutto poteva essere interessante: il rapporto con la madre, la voglia di crescere, il senso della paternità. Ma non lo è in questa forma esagitata, sgradevole, troppo scopertamente provocatoria e accomodante. Dal punto di vista pastorale, il film è dunque da valutare come inaccettabile, e nell'insieme negativo. UTILIZZAZIONE: é da evitare sia in programmazione ordinaria sia in altre circostanze. Attenzione per eventuali passaggi televisivi (il film ha il divieto ai minori di 14 anni).

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film