BOKO HARAM – CONVERTITEVI O MORITE

Valutazione
Consigliabile, Problematico, dibattiti
Tematica
Conflitti etnici, Guerra, Razzismo, Tematiche religiose, Terrorismo
Genere
Documentario
Regia
Riccardo Bicicchi
Durata
56'
Anno di uscita
2014
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
/////
Distribuzione
Riccardo Bicicchi
Musiche
Francesco Gazzara, Claudio Sammarco
Montaggio
Roberto Febbrari

Orig.: Italia (2014) - Sogg. e scenegg.: Riccardo Bicicchi - Fotogr.(Normale/a colori): Riccardo Bicicchi - Mus.: Francesco Gazzara, Claudio Sammarco - Montagg.: Roberto Febbrari - Dur.: 56' - Produz.: Riccardo Bicicchi.

Soggetto

Il documentarista Riccardo Bicicchi intraprende un viaggio nel Nord Est della Nigeria, tra gli Stati di Bomo, Yobe e Adamawa. In questi luoghi ci sono città intere messe a ferro e fuoco dalla setta integralista islamica Boko Haram. In questo scenario devastato si muove Bicicchi, facendoci toccare dal vivo il dolore, la paura, il senso della perdita. Dalle macerie emergono alla fine luci di speranza: parlano dignitari dell'Islam e della Chiesa Cattolica, e rappresentanti di "Women of Faith Network", un gruppo di donne coraggiose, musulmane e cattoliche, disposte a tenere viva la realtà del dialogo.

Valutazione Pastorale

Da troppi anni la setta intergralista islamica Boko Haram mette a ferro e fuoco la Nigeria, lasciando sul terreno popolazioni martoriate, ridotte in schiavitù oppure in fuga dalle loro case sullo sfondo di un nuovo olocausto africano che si consuma nel silenzio generale. Questo lavoro di Bicicchi è il risultato di un reportage condotto con pazienza, fiducia e grande coraggio attraverso territori ad alto rischio di sopravvivenza. Con uno stile di immediata verità e di pungente realismo, la m.d.p. ci conduce a contatto con una quotidianità aspra e dura, nella quale la perdita di se stessi è il rischio più grande, e insieme rende, attraverso le immagini, preziosa testimonianza di orrori altrimenti non descritti. Nell'ottica del 'documentario', il cinema torna ad essere veicolo di conoscenza, strumento per fare denuncia e creare la strada per una possibile pacificazione. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile, problematico e adatto per dibattiti. UTILIZZAZIONE: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in molte successive occasioni come avvio ad una riflessione sugli argomenti (seri, attuali, dolorosi) che emergono dalle immagini.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film