CANI SCIOLTI

Valutazione
Futile, superficialità
Tematica
Amicizia, Avidità, Denaro, Violenza
Genere
Azione
Regia
Baltasar Kormàkur
Durata
109'
Anno di uscita
2013
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
2 Guns
Distribuzione
Warner Bros Pictures Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Blake Masters tratto dal graphic novel "2 Guns" di Steven Grant
Musiche
Clinton Shorter
Montaggio
Michael Tronik

Orig.: Stati Uniti (2013) - Sogg.: tratto dal graphic novel "2 Guns" di Steven Grant - Scenegg.: Blake Masters - Fotogr.(Scope/a colori): Oliver Wood - Mus.: Clinton Shorter - Montagg.: Michael Tronik - Dur.: 109' - Produz.: Andrew Cosby, Randall Emmett, George Furla, Norton Herrick, Mark Platt, Ross Richie.

Interpreti e ruoli

Denzel Washington (Robert 'Bobby' Trench), Mark Wahlberg (Michael 'Stig' Stigman), Paula Patton (Deb Rees), Bill Paxton (Earl), James Marsden (Quince), Fred Ward (ammiraglio Tuwey), Edward James Olmos (Papi Greco), Robert John Burke (Jessup), Edgar Arreola Tim Bell (Rudy), Evie Thompson (Lean), Lindsay Smith . (Patsy)

Soggetto

Bobby Trench chiede aiuto a Micahel Stig Stigman per rapinare una banca locale,dove ntoriamente si ricicla denaro sporco. L'operazione sembra semplice e anche legittima: ladri che rubano ad altri ladri. Ma Stig non sa che Bobby è un agente DEA e Bobby non sa che Stig lavora per conto delle Marina militare. Da quel momento ogni rapporto si complica fino a diventare impsosibile da gestire e dipanare. Importante è chi resterà per ultimo con il malloppo uscito dalla banca...

Valutazione Pastorale

Un western moderno moltiplicato per mille; un "tutti contro tutti" dove le identità si sovrappongono e (la frase sembra banale ma va bene) niente è come appare. Fa parte della libertà narrativa del cinema americano (non condizionato da ideologie) il prendere a pretesto organismi istituzionali, frullarli adeguatamente in un cocktail schizofrenico e metterli sullo stesso piano di malavitosi e gangster: uno contro l'altro armati. Ma proprio in senso letterale, con il conotorno di armi, sparatori, morti ammazzati di cui ben presto si perde il conto. Prevale, o dovrebbe prevalere l'ironia, che arriva direttamente dal graphic novel originario: fumetto, insomma, passato al vaglio di computer e effetti speciali e affidato (non si sa mai) a due attori di impeccabile resa professionale. Qualcuno magari si diverte, perché non c'è vera violenza. Ma il film, dal punto di vista pastorale, è da valutare come futile e non privo di superficialità.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, ben tenendo presente quanto detto sui suoi eccessi visivi. Attenzione è da tenere per minori e piccoli in vista i passaggi televivi e di uso di dvd e di altri supporti tecnici.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film