CHOPIN AMORE MIO

Valutazione
Discutibile, Ambiguità
Tematica
Genere
Biografico
Regia
James Lapine
Durata
104'
Anno di uscita
1991
Nazionalità
Gran Bretagna
Titolo Originale
IMPROPTU
Distribuzione
Warner Bros Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Sarah Kernochan
Musiche
John Strauss
Montaggio
Michael Ellis

Sogg. e Scenegg.: Sarah Kernochan - Fotogr.: (panoramica/a colori) Bruno De Keyzer - Mus.: John Strauss - Montagg.: Michael Ellis - Dur.: 104' - Produz.: Daniel A. Sherkow, Stuart Oken

Interpreti e ruoli

Judy Davis (George Sand), Mugh Grant (Frederic Chopin), Mandy Patinkin (Alfted De Musset), Bernadette Peter (Marie D'Agoult), Julian Sands (Franz Listz), Ralph Brown (Eugene Delacroix), Georges Corraface (Feligien Mallefille), Anton Rodgers, Emma Thompson, Anna Massey, David Birkin, Fiona Vincente

Soggetto

nel 1836 George Sand (pseudonimo di Aurore Dupin, moglie separata del barone Dudevant) vive coi figli Maurice e Solange, ed è al culmine della sua fama di scrittrice, mentre risiede o nella tenuta di famiglia di Nohant o a Parigi, dove i salotti letterari sono pieni di pettegolezzi sui suoi atteggiamenti scandalosamente anticonformisti e sui suoi molti amanti. Presentemente George sfugge il poeta Alfred De Musset, col quale ha avuto una tempestosa relazione amorosa, e vuol rompere il legame col rozzo e violento Mallefille, precettore dei figli, che però non intende lasciarla. George è molto amica di Franz Liszt e della sua amante, la contessa Marie d'Augoult, che convivono ed hanno una bambina, ma litigano spesso, perché la donna si sente trascurata. In casa loro la scrittrice ascolta un giorno, senza vederlo, Frédéric Chopin suonare una sua composizione, e, rimasta incantata dalla sua arte, vuol conoscere il pianista polacco, del quale si è subito innamorata ardentemente. Perciò si autoinvita nella tenuta dei duchi d'Anatan, dove per qualche giorno saranno ospiti Chopin, Lisa, Marie e il pittore Delacroix, e qui si introduce nella stanza di Chopin, che, timido e schivo, la respinge; quindi George incarica Marie di consegnare a Frédéric un'appassionata lettera d'amore, ma la contessa, segretamente innamorata di lui, sostituisce la propria firma a quella della scrittrice. Poi, dopo alcune canzonature degli ospiti verso i duchi, e dopo gravi malestri causati dai figli della Sand, gli artisti tornano a Parigi. Qui George, sempre innamorata invano di Chopin, che è gravemente malato di tisi, viene consigliata dalla infida Marie a corteggiarlo come se lui fosse una donna e lei un uomo, quindi la contessa dice al musicista che la Sand si vanta già della sua conquista ed ha fatto una scommessa al riguardo con De Musset. Ma Chopin e la Sand si convincono della slealtà di Marie, della quale si scopre anche l'inganno della lettera. Chopin, ormai innamorato di George, accetta di battersi in duello con Mallefille, ma sviene, e la scrittrice spara al suo posto, ferendo il bruto. Anche se sul principio il rapporto d'amore fra Frédéric e George è contrastato da dubbi e scrupoli del musicista, presto i due, divenuti amanti, decidono felici di partire per Maiorca. Inutilmente Marie cerca ancora di sconsigliare Chopin dal legarsi alla scrittrice.

Valutazione Pastorale

questo film di James Lapine racconta il tempestoso inizio della storia d'amore fra George Sand e Frédéric Chopin, in cui ebbero ruoli importanti Franz Liszt, il poeta Alfred De Musset, il pittore Delacroix e la contessa Marie d'Agoult, amante di Liszt e madre dei suoi figli. Tutti questi storici personaggi, però, risultano fastidiosamente falsi, essendo presentati in modo superficiale, specialmente Chopin, che appare addirittura ridicolo, per l'eccessiva insistenza su una debolezza femminea ed una pudica ritrosia. Poiché neppure l'interpretazione degli attori è valida, neanche quella di Judy Davis (George Sand); resta a consolazione solo la colonna sonora, piena di splendida musica.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film