COME TU MI VUOI

Valutazione
Inconsistente, superficialità
Tematica
Amicizia, Donna, Famiglia - genitori figli, Giovani
Genere
Commedia
Regia
Volfango De Biasi
Durata
107'
Anno di uscita
2007
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
/////
Distribuzione
Medusa Film
Soggetto e Sceneggiatura
Volfango De Biasi, Alessandra Magnaghi con la collaborazione di Gabriella Tomassetti, Tiziana Martini Volfango De Biasi, Gabriella Tomassetti
Musiche
Michele Braga
Montaggio
Stefano Chierchié

Orig.: Italia (2007) - Sogg.: Volfango De Biasi, Gabriella Tomassetti - Scenegg.: Volfango De Biasi, Alessandra Magnaghi con la collaborazione di Gabriella Tomassetti, Tiziana Martini - Fotogr.(Panoramica/a colori): Tani Canevari - Mus.: Michele Braga - Montagg.: Stefano Chierchié - Dur.: 107' - Produz.: Medusa Film.

Interpreti e ruoli

Cristiana Capotondi (Giada), Nicolas Vaporidis (Riccardo), Giulia Steigerwalt (Fiamma), Elisa Di Eusanio (Sara), Paola Carleo (Alessia), Paola Roberti (Katia), Marco Foschi (Ermes), Niccolò Senni (Loris), Ludovica Modugno (Franca), Delia D'Alberti (Fabiola), Gianfranco Barra (professore), Luigi Diberti (padre di Riccardo), Riccardo Rossi (conduttore televisivo)

Soggetto

Per una serie di circostanze, Giada, universitaria bruttina e secchiona, si trova a dare ripetizioni a Riccardo, studente viziato e bello. Vivono in due mondi diversi ma si innamorano senza avere il coraggio di dirlo. Decisa ad essere degna di lui, Giada cambia, per diventare una di quelle ragazze che gli stanno intorno nei locali. Equivoci infiniti si succedono, prima di capire che quella strada é sbagliata. E che Riccardo deve conquistarla per come lei è in realtà.

Valutazione Pastorale

Si tratta di un altro apuntamento con il filone 'giovanilista' dei vari 'Notte prima degli esami' e dintorni. L'ambizione é addirittura quella di riflettere sul rapporto, spesso difficile da cogliere, tra essere e apparire. A dire il vero siamo dalle parti di quelle commediole che giòà negli anni '50 insistevano sul mondo delle universitarie e mettevano di fronte le belle 'fuori' e le belle' dentro. Argomento poco nuovo e oggi appesantito da eccessi verbali e visivi. Storia scipita ma qualche concessione di merito al regista, all'opera prima, perché il racconto scorre abbastanza rapido senza verbosità. Nell'insieme, dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come inconsistente, e segnato da superficialità. UTILIZZAZIONE: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, ben tenendo conto dei limiti sopra indicati. Attenzione é da tenere per i più piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film