DELITTI E PROFUMI

Valutazione
Inaccettabile, volgare
Tematica
Giallo - Triller
Genere
Farsesco
Regia
Vittorio De Sisti
Durata
97'
Anno di uscita
1988
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
DELITTI E PROFUMI
Distribuzione
C.I.D.I.F.
Soggetto e Sceneggiatura
Franco Ferrini, Oreste De Fornari, Francesco Massaro Oreste De Fornari, Franco Ferrini
Musiche
Umberto Smaila
Montaggio
Claudio Di Mauro

Sogg.: Oreste De Fornari, Franco Ferrini - Scenegg.: Franco Ferrini, Oreste De Fornari, Francesco Massaro - Fotogr. (normale/a colori): Beppe Maccari - Mus.: Umberto Smaila - Montagg.: Claudio Di Mauro - Dur.: 97' - Produz.: Reteitalia, Numero Uno International.

Interpreti e ruoli

Jerry Calà (Eddy), Umberto Smaila (Turoni), Simonetta Gianfelici, Lucrezia Lante Della Rovere, Mara Venier, Eva Grimaldi ., Nina Soldano, Marina Viro, Silvia Annicchiarico.

Soggetto

Barbara, una bella commessa dei Grandi Magazzini, prende un giorno improvvisamente fuoco, in mezzo alla gente, e muore bruciata, davanti all'inorridito Eddy, suo innamorato, e detective addetto alla sorveglianza del negozio. Il commissario Turoni della Squadra Omicidi cerca invano il colpevole, mentre un secondo analogo delitto provoca la morte di un'altra ragazza. Eddy decide allora di indagare da solo e scopre presto che l'assassino si è servito di un misterioso flacone di profumo "incendiario", fatto giungere in dono alle vittime, le quali avevano preso fuoco (dopo averlo usato), non appena erano venute a contatto con una forte sorgente di luce. Indagando nel passato di Barbara, Eddy viene a sapere di un incidente accaduto molti anni prima, quando lei e altre tre bambine, affidate ad una suora distratta, giocavano su di una spiaggia, e una di esse, Pamela, era stata spinta in acqua dalle altre, rimanendo orribilmente ustionata da un liquido giallastro, scaricato da una nave di passaggio. Salvata la terza vittima designata, Maria, spegnendone con un estintore l'abito nuziale, incendiatosi durante la cerimonia, Eddy, servendosi di una foto della quattro bambine, e aiutato da un'esperta di computer e di trucco femminile, arriva finalmente a identificare l'assassina. È Pamela, decisa a vendicarsi delle responsabili di quell'incidente, che le aveva sfigurato tutto il corpo, risparmiando solo il viso. E lei, occupandosi di profumi di lusso, era naturalmente in grado di rendere un profumo "incendiario", per poter compiere i suoi delitti. Risolto brillantemente il caso, e divenuto superiore di Turoni, Eddy si dedica ora ad un'avventura con la ragazza che lo ha aiutato nelle indagini.

Valutazione Pastorale

Nulla di positivo si può trovare in questo film, che, oltre ad essere mal diretto, mal scritto e mal interpretato, resta sempre al livello di una volgare farsa, senza raggiungere mai quello di commedia gialla, come vorrebbe essere. Molte le situazioni riprorevoli, che vengono presentate, da quella iniziale del vecchio vizioso, sorpreso a tastare le donne nel magazzino, a quella finale del bagno a due nella vasca; ma la peggiore è sicuramente la scena della farsa confessionale, in cui Eddy, travestito da frate, riesce a strappare alla suora il segreto di quel che era accaduto in quel lontano giorno alle bambine.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film