FBI : PROTEZIONE TESTIMONI 2

Valutazione
Inconsistente, volgarità
Tematica
Gangster
Genere
Farsesco
Regia
Howard Deutch
Durata
97'
Anno di uscita
2004
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
The whole ten yards
Distribuzione
CDI
Soggetto e Sceneggiatura
George Gallo, Mitchell Kapner basato sui personaggi creati da Mitchell Kapner
Musiche
Christopher Young
Montaggio
Seth Flaum

Orig.: Stati Uniti (2003) - Sogg.: basato sui personaggi creati da Mitchell Kapner - Scenegg.: George Gallo, Mitchell Kapner - Fotogr.(Normale/a colori): Neil Roach - Mus.: Christopher Young - Montagg.: Seth Flaum - Dur.: 97' - Produz.: Allan Kaufman, Arnold Rifkin, Elie Samaha, David Willis.

Interpreti e ruoli

Bruce Willis (Jimmy Tudesky), Amanda Peet (Jill St.Claire), Matthew Perry (Nicholas 'Oz' Oseransky), Natasha Henstridge (Cynthia Oseransky), Kevin Pollak (Lazlo Gogolak), Frank Collison (Strabo Gogolak), Johnny Messner (Zevo), Silas Weir Mitchell (Yermo), Tasha Smith . (Julie)

Soggetto

La vita tranquilla di Jimmy (ora dedito alle faccende domestiche) e di Jill (che vorrebbe essere una killer degna del suo maestro ma non riesce ad arrivare al primo omicidio) viene turbata da una inattesa notizia. Cynthia, la moglie di Oz (vecchio amico e imbranatissimo dentista), é stata rapita dai sicari del boss Lazlo Gogolak appena uscito di prigione. Cynthia é in attesa del primo figlio ma é anche la donna che Jimmy non ha dimenticato e che ora va liberata ad ogni costo. Il terzetto si mette dunque alla caccia della banda e passa attraverso una lunga serie di avversità, pericoli, scontri, equivoci. Agli imprevisti si aggiunge poi la gelosia di Jill che accusa Jimmy di essere ancora legato a Cynthia. L'inetto Oz ne combina una dopo l'altra ma riesce comunque a dare il proprio contributo al ritrovamente e al salvataggio della moglie. Il boss viene sconfitto e le due coppie riescono anche ad appropriarsi del suo patrimonio nascosto, che ammonta a ben 128 milioni di dollari.

Valutazione Pastorale

Questo seguito di "FBI Protezione testimoni" (cfr.) recupera tutti i personaggi del precedente episodio, fa in modo di rimetterli insieme, tra amicizia, sotterfugi, fughe, scontri fino al cosiddetto 'lieto fine' favorito dall'inatteso guadagno a spese del boss. La parodia del genere 'gangster' risulta però stanca e sbiadita, si ride poco (e quasi sempre "all'americana"), si fatica a seguire il racconto fin troppo frammentario e disordinato. La comicità, soprattutto di tono demenziale, scade anche in passaggi più pesanti e gratuiti. Ne deriva dunque un film mal riuscito che, dal punto di vista pastorale, é da valutare come inconsistente, e segnato da volgarità. UTILIZZAZIONE: la modestia della realizzazione rende difficile trovare motivi per segnalare l'utilizzazione del film. Attenzione é da tenere per i minori in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film