FINALMENTE LA FELICITA’

Valutazione
Consigliabile, Semplice
Tematica
Il comico
Genere
Commedia
Regia
Leonardo Pieraccioni
Durata
93'
Anno di uscita
2011
Nazionalità
Italia
Distribuzione
Medusa Film
Soggetto e Sceneggiatura
Leonardo Pieraccioni, Giovanni Veronesi Domenico Costanzo, Leonardo Pieraccioni, Giovanni Veronesi
Musiche
Gianluca Sibaldi
Montaggio
Stefano Chierchié

Orig.: Italia (2011) - Sogg.: Domenico Costanzo, Leonardo Pieraccioni, Giovanni Veronesi - Scenegg.: Leonardo Pieraccioni, Giovanni Veronesi - Fotogr.(Panoramica/a colori): Mark Melville - Mus.: Gianluca Sibaldi - Montagg.: Stefano Chierchié - Dur.: 93' - Produz.: Levante srl in collaborazione con Medusa Film.

Interpreti e ruoli

Leonardo Pieraccioni (Benedetto), Ariadna Romero (Luna), Rocco Papaleo (Sandrino), Andrea Buscemi (Argante Buscemi), Thyago Alves . (Jesus), Shel Shapiro (Albert), Michela Andreozzi (Mara), Maurizio Battista (uomo sul treno)

Soggetto

Benedetto, professore di musica a Lucca, scopre che la mamma, scomparsa da poco, aveva adottato a distanza una bambina brasiliana. Molti anni dopo, quella bambina è una modella e, in Italia per lavoro, vuole incontrare questo suo 'fratello' acquisito. L'incontro avviene e Benedetto, colpito dallla bellezza della ragazza, si fa convincere dall'amico Sandrino a seguirla nei vari luoghi dove gira i servizi fotografici, in particolare in Sardegna. Imbarazzi, fraintendimenti e equivoci si susseguono, prima che tra i due possa avviarsi un legame sentimentale...

Valutazione Pastorale

Forse è giusto che Pieraccioni abbia scelto il ruolo di un professore di musica. Da sempre le sue storie si propongono come note musicali simili a certe arie comiche e leggere: uno spartito alla portata di tutti, che riunisce colori, sapori, sentimenti, piccole/grandi beffe della vita. Eccolo ancora alle prese con una storia d'amore imprevista, difficile da gestire sullo sfondo della provincia toscana e di altri bei paesaggi italiani. Il piccolo mondo di Pieraccioni, autore-regista-attore, corre sul filo della fiaba, dei fatti raccontati con l'aiuto della voce fuori campo, come in un libro di novelle. L'armonia finale certe volte è più azzeccata, altre, come qui, più esile. Qualche momento di stanca e di 'già visto' interviene a frenare la vivacità. Forse è il momento di rinnovarsi. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile e nell'insieme certamente semplice.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria. Le sequenze che coinvolgono le suore hanno intenti solo scherzosi e un po' paradossali.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film