FORMIDABILI AMICI **

Valutazione
Accettabile-riserve, Brillante
Tematica
Amicizia
Genere
Commedia
Regia
Gerard Jugnot
Durata
93'
Anno di uscita
1992
Nazionalità
Francia
Titolo Originale
UNE EPOQUE FORMIDABLE
Distribuzione
Columbia Tri Star Films Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Gerard Jugnot, Philippe Lopes Curval
Musiche
Francis Cabrel
Montaggio
Catherine Kleber

Sogg. e Scenegg.: Gerard Jugnot, Philippe Lopes Curval - Fotogr.: (normale/a colori) Gerard De Battista - Mus.: Francis Cabrel - Montagg.: Catherine Kleber - Dur.: 93' - Produz.: Arturo Productions, Ciby 2000, TF1 Productions, G.P.F.I.

Interpreti e ruoli

Gerard Jugnot (Michel Berthier), Richard Bohringer (Medico), Victoria Abril (Juliette), Ticki Hodalgo (Crayon), Chick Ortega (Mimosa), Roland Blanche (Copi), Eric Prat (Malakian), Julien Harlay, Charlotte De Turckheim

Soggetto

Michael Berthier vive con Juliette e con i due figli da lei avuti col precedente matrimonio. All'insaputa della donna, si è licenziato ma nasconde la cosa adducendo addirittura una promozione inesistente e ottenendo la complicità riluttante, per coprire l'imbroglio, dell'ex datore di lavoro, Malakian. Intanto cerca un nuovo impiego, e passa da un test attitudinale all'altro, con scarsi risultati. Ciò non toglie che spenda gli ultimi soldi in costosi regali a Juliette. Ma lo fa vendendo la macchina e trasferendo i risparmi dell'amica sul suo conto. Viene però scoperto e se ne va di casa, con la macchina usata carica delle sue poche carabattole. Va a tamponare una coppia che per risarcimento lo deruba di quanto gli resta. Mentre si lava alle toilettes della stazione, dove conosce dei barboni, il carro attrezzi gli porta via l'auto. Affidatosi all'Assistenza sociale, finisce per ritrovare i barboni della Stazione, tra cui spicca il Dottore, un ex portantino, ed i suoi accoliti, Cartone e Mimosa. Recuperata la macchina, il quartetto inizia a percorrere la Ville Lumière: rubano piumoni da notte nell'ex fabbrica di Berthier; Mimosa sparisce con l'auto; dormono nel cortile di una lussuosa dimora; riescono a trovare Mimosa che, spesi gli ultimi soldi ricavati dalla vendita dell'auto con una prostituta, si è drogato, ed ha un malore. Vanno all'ospedale, e il Dottore con un'iniezione rianima l'amico mentre Berthier alleggerisce l'armadio dei medicinali. "Prelevato", con l'astuzia, un camion di formaggi, i quattro si mettono a rubare materassi alla solita American Bed finchè Malakian non li sorprende coi suoi vigilantes, ma impietosito lascia scappare Berthier. Questi incontra Vincent, il figlio maggiore di Juliette, che gli si è affezionato e vorrebbe che tornasse, ma lui rifiuta di cedere. Intanto Mimosa viene arrestato, e saltando giù dal furgone della polizia muore. Il Dottore e Berthier, dopo aver tentato con scarso successo, di dormire al Ritz, vengono ospitati da Cartone che ha trovato lavoro come guardiano notturno in un grattacielo. Saranno i due amici barboni a convincere Michael che la sua vita è accanto a Juliette e ai ragazzi, dopo averlo rivestito e ripulito alla meglio lo convincono ad incontrare la donna che è felice di riabbracciarlo.

Valutazione Pastorale

diretto ed interpretato da Gerard Jugnot, questo brillante film sa toccare, con mano scherzosa ma assai graffiante, diverse magagne della nostra società industrializzata ed urbanizzata. Dalla mania di grandezza dei borghesucci sempre alla caccia dello status e della pecunia, alla falsità dei rapporti tra uomo e donna, dalla dura realtà della miseria urbana alla solidarietà tra diseredati che però non esclude un comprensibile quanto raggelante cinismo. Film graffiante e caustico, ma condotto con grande spigliatezza e con dialoghi scoppiettanti per acume ed humor, "Formidabili amici" coniuga egregiamente i verbi ridere e pensare, cosa che il cinema non ci ispira troppo spesso, da qualche tempo. Un cenno doveroso va alla sceneggiatura, a tratti irresistibile per comicità (vedi la spedizione in triciclo alla ricerca di Mimosa), a tratti capace di toccare il dramma senza mai cadere nel melò (vedi la morte del medesimo). Non sapremmo chi elogiare degli interpreti, tutti bravi e convincenti, dalla Abril al bravissimo Jugnot, all'efficace Bohringer che dà vita ad un barbone-leader di gran spessore, a Ticki Hidalgo e a Chick Ortega, che sono un Cartone ed un Mimosa spassosi e patetici ad un tempo.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film