FREEJACK – IN FUGA NEL FUTURO

Valutazione
Inaccettabile, Insano
Tematica
Genere
Fantastico
Regia
Geoff Murphy
Durata
110'
Anno di uscita
1992
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
FREEJACK
Distribuzione
Warner Bros Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Steven Pressfield, Ronald Shusett, Dan Gilroy tratto dal romanzo "Immortality, inc." di Robert Sheckley
Musiche
Trevor Jones
Montaggio
Dennis Virkler

Sogg.: tratto dal romanzo "Immortality, inc." di Robert Sheckley - Scenegg.: Steven Pressfield, Ronald Shusett, Dan Gilroy - Fotogr.: (normale/a colori) Amir Mokri - Mus.: Trevor Jones - Montagg.: Dennis Virkler - Dur.: 110' - Produz.: Morgan Creek International

Interpreti e ruoli

Emilio Estevez (Alex Furlong), Mick Jagger (Victor Vacendaki), Rene Russo (Julie Redlund), Anthony Hopkins (Mc Candless), Jonathan Banks (Michelette), David Johansen (Brad Hines), Grandl Bush (Boone), Amanda Plummer, John Shea

Soggetto

nel 1991, mentre l'abile pilota di auto da corsa Alex Furlong sta partecipando ad una importante gara per vincere un record di velocità, e la sua fidanzata Julie Redlund assiste alla competizione, l'automobile del giovane ha un terribile incidente e va a schiantarsi contro un ponte, incendiandosi, ma del corpo di Alex non viene ritrovata traccia. Infatti, qualche secondo prima dell'impatto fatale, egli è stato rapito di nascosto da misteriosi personaggi, che lo hanno trasportato nel 2009: è diventato un freejack. Risvegliatosi in un'allucinante sala operatoria, e riuscito a fuggire, Alex, impaurito e confuso, cerca invano una spiegazione agli strani avvenimenti, in cui si trova coinvolto, e, fuggendo in continuazione, corre per le strade di una fatiscente New York popolata di individui dall'aspetto malato e miserabile, dove una banda di cacciatori di taglie, guidati dall'abilissimo Victor Vacendak, lo insegue per catturarlo di nuovo. Il fuggiasco non si rende conto che dall'incidente sono passati 18 anni (che per lui sono soltanto poche ore), e il suo primo pensiero è quello di rintracciare Julie, la quale nel frattempo è diventata una dirigente della megasocietà McCandless, che controlla tutto il mondo. Quando infine la ritrova, Julia stenta a credere che egli sia veramente Alex e non sia morto nella corsa. Gli spiega in seguito che la tecnologia del 2000 consente, mediante computer, il trapianto di una mente umana nel corpo di una altra persona: è l'immortalità. Ma poiché gli individui che abitano la terra sono ormai malati, a causa del buco d'ozono, gli scienziati sono costretti a tornare nel passato per appropriarsi di corpi sani di uomini del XX secolo, facendoli diventare recipienti per le menti del XXI secolo: sono questi appunto i freejack. Il corpo di Furlong è stato scelto e acquistato dal potentissimo Mc Candless, che, prossimo a morire, vuol continuare a vivere in lui, perché, spera di essere così amato da Julie, della quale è innamorato segretamente da tempo. Dopo molte peripezie, Alex si trova con Mc Candless, in cima ad un grattacielo, nel Commutatore Mentale, nel quale dovrebbe avvenire il trapianto. Ma qui il perfido Michelette (Vice di Mc Candless) uccide il suo capo per impadronirsi del potere, e viene a sua volta ammazzato da Victor, il quale aiuta poi Alex e Julia a fuggire.

Valutazione Pastorale

questa ingarbugliata vicenda è raccontata in modo spesso confuso dal regista Geoff Murphy in un film, che fa grande uso di effetti speciali di ogni tipo e di apprezzabili scenografie non sempre originali. Il regista non ha saputo guidare né i suoi attori, che risultano tutti inespressivi (perfino Hopkins!), né realizzare in modo convincente i passaggi fra la parte che si svolgeva nel 1991 e quella del 2009, cosicché gli spostamenti nel tempo appaiono traballanti. La insana tesi centrale del trapianto di cervelli umani, usando uomini come cavie, per bassi interessi personali; il fatto che Mc Candless voglia questo intervento per conquistare una donna con l'inganno; la presenza nel film di troppa violenza e della inutile figura di una suora, che ha maniere assai spicce e gesti molto volgari, rendono il lavoro inaccettabile.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film