GOOD MORNING AMAN

Valutazione
Complesso, velleitario
Tematica
Amicizia, Droga, Emigrazione, Rapporto tra culture
Genere
Drammatico
Regia
Claudio Noce
Durata
105'
Anno di uscita
2009
Nazionalità
Italia
Distribuzione
Cinecittà Luce
Musiche
Valerio Vigliar
Montaggio
Andrea Maguolo

Orig.: Italia (2009) - Sogg. e scenegg.: Diego Ribon, Claudio Noce, Heidrun Schleff con la collaborazione di Elisa Amoruso - Fotogr.(Scope/a colori): Michele D'Attanasio - Mus.: Valerio Vigliar - Montagg.: Andrea Maguolo - Dur.: 105' - Produz.: Dodo Fiori per DNA Cinematografica in collaborazione con RAI Cinema.

Interpreti e ruoli

Valerio Mastandrea (Teodoro), Said Sabrie (Aman), Anita Caprioli (Sara), Amin Nur (Said), Giordano De Plano (Brando), Adamo Dionisi (Bruno), Sandra Toffolati . (moglie di Teodoro)

Soggetto

A Roma, nella zona dell'Esquilino, si incontrano Aman, ventenne di origine somala, in Italia da quando ne aveva 4, e Teodoro, ex pugile 40enne, chiuso nelle colpe del suo passato. I due passano insieme le loro notti insonni, Teodoro si fa accompagnare da lui quando si riaffaccia nei luoghi che frequentava anni prima. Ma lo scoramento prevale. E per Teodoro arriva la decisione di farla finita.

Valutazione Pastorale

Se é vero che il quadro offerto é triste e desolante ma certo con agganci di concretezza, a risultare di difficile sopportqazione é l'incontro tra recitazione, dialoghi, regia. Tutto avviene all'interno di un universo bloccato dall'espressione unica degli attori, dai pochissimi dialoghi che si scambiano, da una regia che insiste sull'appiattimento di una sola inquadratura, reiterata e compiaciuta come il tono vagamente intellettuale che sovrintende alle immagini. Si tratta di un'opera prima che cade nella trappola di far prevalere il linguaggio sui contenuti. La ricerca di frammenti e monosillabi di inquadrature spessa l'unicità drammaturgica e limita il respiro delle vicende dei due protagionisti. Alla fine prevale l'enfasi della follia annunciata, ma è tardi per parteciparvi in modo convinto. Dal punto di viosta pastorale, il film é da valutare come complesso e nell'insieme velleitario.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria e, più utilmente, in occasini mirate come proposta di opera prima italiana. Attenzione, per immagini e contenuti, é da tenere per minori e piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film