I LOVE HUCKABEES Le strane coincidenze della vita

Valutazione
Discutibile, ambiguità
Tematica
Ecologia, Politica-Società, Psicologia
Genere
Commedia
Regia
David O. Russell
Durata
106'
Anno di uscita
2005
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
I love Huckabees
Distribuzione
20th Century Fox Italia
Musiche
Jon Brion
Montaggio
Robert K. Lambert

Orig.: Stati Uniti (2004) - Sogg. e scenegg.: David O. Russell, Jeff Baena - Fotogr.(Scope/a colori): Peter Deming - Mus.: Jon Brion - Montagg.: Robert K. Lambert - Dur.: 106' - Produz.: David O. Russell, Gregory Goodman, Scott Rudin.

Interpreti e ruoli

Dustin Hoffman (Bernard), Jason Schwartzman (Albert Markovski), Lily Tomlin (Vivian), Isabelle Huppert (Caterine Vauban), Jude Law (Brad Stand), Mark Wahlberg (Tommy Corn), Naomi Watts (Dawn Campbell), Angela Grillo (Angela Franco), Darlene Hunt (Darlene), Kevin Dunn (Marty), Tippi Hedren (Mary Jane Hutchinson), Talia Shire (sig.ra Silver)

Soggetto

Albert Markovski, direttore dell'associazione ambientalista Open Spaces, si rivolge a Vivian e Bernard Jaffe, una coppia di detective esistenziali, perché scoprano i motivi di una strana coincidenza: i ripetuti incontri con Steven , un ragazzo africano mai visto prima. I due indagano nella vita di Albert e scoprono il suo difficile rapporto con Brad Stand, manager dei magazzini Huckabees in procinto di espandersi con la costruzione di nuovi edifici in territorio boschivo e tramite un accordo già raggiunto con altri membri della Open Spaces. Succede che anche Brad si rivolge ai detective, sopportando intromissioni nella propria vita e in quella di Dawn, sua ragazza e testimonial della Huckabees. Albert sospetta che Brad voglia farlo fuori dalla prersidenza della Open Spaces, così si allea con Tommy, un vigile del fuoco sempre più scettico dei metodi della terapia esistenziale e invece conquistato dalle teorie alternative della francese Caterine, ex allieva dei Jaffe. Licenziato dalla Open Spaces e invaghito di Caterine, Albert abbandona i detective. Anche Brad, nel frattempo promosso vice presidente, vorrebbe liquidarli, ma i due lo mettono in crisi. Per di più, Albert dà fuoco alla sua casa e Dawn lo lascia per andare con Tommy. Alla fine i quattro si ritrovano insieme ad una festa di beneficenza promossa dalla Huckabees.

Valutazione Pastorale

La coppia di quelli che vengono definiti 'detective esistenziali' diventa il punto d'incontro intorno a cui ruotano i vari personaggi di una storia a dire il vero oltremodo aggrovigliata e scombinata. Si capisce che si vorrebbe prendere in esame un gruppo di tipologie appartenenti a quella fascia di americani che vive in perenne conflitto con se stessi e con l'immagine di una Nazione guida e custode dei destini del mondo. L'ecologia, le catene dei grandi magazzini diventano i luoghi ideali dove va in scena il contrasto tra commercio e profitto, tra attività imprenditoriale e voglia di rispetto per l'ambiente. Il facile ricorso di tanti cittadini allo psicanalista o al pedinamento affidato ad altri produce così questi 'detective esistenziali', figure inventate ma non tanto che codificano la disperata corsa di molti a recuperare una precisa identità. Se i temi sono individuabili, lo svolgimento resta a metà strada, talora troppo sopra le righe talatra troppo intellettuale e confuso. Mettendo in campo argomenti anche attuali ma non offrendo sufficienti strumenti di lettura e anzi creando soprattutto confusione, il film, dal punto di vista pastorale, é da valutare come discutibile e caratterizzato da ambiguità. UTILIZZAZIONE: il film può esere utilizzato in programmazione ordinaria, con attenzione per la presenza dei più piccoli. Stessa cura é da tenere in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film