IL GRANDE MATCH

Valutazione
Consigliabile, brillante
Tematica
Famiglia - genitori figli, Metafore del nostro tempo, Sport
Genere
Commedia
Regia
Peter Segal
Durata
113'
Anno di uscita
2014
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Grudge Match
Distribuzione
Warner Bros Pictures Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Tim Kelleher, Rodney Rothman, Doug Elin Tim Kelleher
Musiche
Trevor Rabin
Montaggio
William Kerr

Orig.: Stati Uniti (2013) - Sogg.: Tim Kelleher - Scenegg.: Tim Kelleher, Rodney Rothman, Doug Elin - Fotogr.(Panoramica/a colori): Dean Semler - Mus.: Trevor Rabin - Montagg.: William Kerr - Dur.: 113' - Produz.: Bill Gerber, Mark Steven Johnson, Michael Ewing, Peter Segal, Ravi Metha.

Interpreti e ruoli

Sylvester Stallone (Henry "Razor" Sharp), Robert De Niro (Billy "The Kid" McDonnen), Kevin Hart (Dante Slade jr.), Alan Arkin (Louis "Lightning" Conlon), Kim Basinger (Sally Rose), Jon Bernthal (BJ Anderson), Camden Gray (Trey), Paul Ben-Victor (Lou Camare), Griff Furst (dott. Morgan), Jim Lampley (se stesso), Carrie Lazar (Nora), Mike Tyson, Evander Holyfield.

Soggetto

A Pittsburgh, Billy "The Kid" McDonnen e Henry "Razor" Sharp sono oggi due pugili avanti con gli anni, la cui rivalità è rimasta per così dire interrotta. Trent'anni dopo il loro ultimo incontro, sollecitati dal promoter Dante Slate jr. che intravede la possibilità di fare bei soldi, i due accettano di tornare sul ring per regolare i conti rimasti in sospeso. Con loro tornano in gioco affetti, sentimenti, figli...

Valutazione Pastorale

Forse la presenza del 67enne Stallone (il mitico Rocky) e del 70enne De Niro (Toro scatenato) basterebbe da sola a motivare l'esperimento. L'età infatti ingenera una serie di conseguenze che riguardano non solo l'improbabile cammino verso la sfida (si può combattete dopo una cetta età?) ma soprattutto tutto l'inevitabile indotto. Che è rappresentato dai due protagonisti, dai rispettivi ruoli di uomini, di attori, di divi. Loro due, e accanto Kim Basinger, ugualmente matura, donna di altre epoche, a sua volta divina. Se li consideriamo tutti e tre insieme, possiamo dire che a scendere di nuovo sul ring è il cinema: quello di una volta, di decenni addietro, un cinema che non si arrende, che sfida la nostalgia, che accetta la provocazione del digitale e degli effetti speciali. Un cinema forse d'altri tempi ma pieno di pathos, commozione, rimpianto. Dal punto di vista pastorale,il film è da valutare come consigliabile e nell'insieme brillante.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria e in successive occasioni come spettacolo ben costruito e realizzato. Qualche attenzione è da tenere per minori e piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di dvd e di altri supporti tecnici.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV