IL GRANDE NORD

Valutazione
Accettabile, Semplice
Tematica
Amicizia, Animali, Avventura
Genere
Docu-fiction
Regia
Nicolas Vanier
Durata
94'
Anno di uscita
2006
Nazionalità
Canada, Francia, Germania, Italia, Svizzera
Titolo Originale
Le dernier trappeur
Distribuzione
Mikado Film
Musiche
Krishna Levy
Montaggio
Yves Chaput

Orig.: Francia/Germania/Italia/Svizzera/Canada (2006) - Sogg. e scenegg.: Nicolas Vanier - Fotogr.(Scope/a colori): Thierry Machado - Mus.: Krishna Levy - Montagg.: Yves Chaput - Dur.: 94' - Produz.: MC4, TF1 Cinema.

Soggetto

Regione dello Yukon, estrema parte settentrionale del Canada. Tra i pochi cacciatori ancora in attività c'é Norman Winther. Lui, sua moglie Nebaska e i loro cani si nutrono di caccia e pesca. I coniugi fabbricano da soli la slitta, la capanna, la canora. Winther si sposta nelle selvagge zone circostanti per cacciare linci, castori, martore, lupi. Una volta l'anno, in primavera, Norman va a Whitehorse, la principale città dello Yukon per vendere le pelli e acquistsre le cose di cui la sua piccola famiglia necessita. I pericoli però aumentano, la morte del cane prediletto crea difficoltà di sostituzione, l'età non é più giovanissima. Norman sa che i cacciatori come lui sono destinati a scomparire.

Valutazione Pastorale

Alcuni definiscono Norman Winther "l'ultimo cacciatore". Norman interpreta se stesso, ossia uno che, tiene a precisare, si dedica alla caccia secondo quelle modalità antichissime che obbediscono ai ritmi equilibratori della natura. Ad organizzare le riprese dei faticosi e affascinanti ritmi di vita quotidiana dell'uomo c'é Nicolas Vanier, regista francese con all'attivo documentari girati in varie parti del mondo. Realizzato nell'arco di un anno e mezzo, quasi seguendo il succedersi delle stagioni, "Il grande Nord" é opera dettata da un sincero amore per la sopravvivenza di un rapporto uomo/natura non banale o consolatorio ma rispettoso di entrambi. Certo le immagini rislutano fin troppo 'belle', e un certo calligrafismo arriva a sottrarre tensione, fatica, realismo. Ma le intenzioni restano encomiabili, e il film, dal punto di vista pastorale, é da valutare come accettabile e nell'insieme semplice.

Utilizzazione

Il film é da utilizzare in programmazione ordinaria e da proporre in altre circostanze, anche per uso scolastico, sui temi dell'ambiente e dell'ecologia, del rapporto uomo/natura.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV