IN PRINCIPIO ERANO LE MUTANDE

Valutazione
Inaccettabile, negativo
Tematica
Amicizia, Donna, Lavoro, Sessualità
Genere
Commedia
Regia
Anna Negri
Durata
Anno di uscita
1999
Nazionalità
Italia
Distribuzione
Medusa Film

Orig. : Italia (1999) - Sogg. : tratto dall'omonimo romanzo di Rossana Campo - Scenegg. : Rossana Campo, Ivan Cotroneo, Davide Ferrario, Doriana Leondeff, Anna Negri - Fotogr. (Panoramica/ a colori) : Giovanni Cavallini - Mus. : Dominik Scherrer - Montagg. : Massimo Fiocchi - Dur. : 90' - Produz. : Roberto Sessa.

Interpreti e ruoli

Teresa Saponangelo (Imma), Stefania Rocca (Gina), Bebo Storti (Michele), Filippo Timi . (Tasca), Monica Scattini (signora in automobile), Pao Pei Andreoli (Marco), Luis Molteni (Matteo), Carlo Carotenuto (Renato), Lucianna De Falco ( padre di Imma), Felicitè Mbezele (Rosaria), Nicola Laieta ( madre di Imma), Adolfo Margiotta (Akofa), (fratello di Imma), (bel tipo)

Soggetto

Imma ha venticinque anni e vive in un appartamento cadente nei vicoli di Genova. Insieme all'amica Gina, svolge lavori saltuari con i quali guadagna ben poco. Le due ragazze hanno un carattere instabile e imprevedibile, che spesso le mette in urto con colleghi e datori di lavoro. Sembra che facciano apposta a cacciarsi in situazioni disperate e assurde. Tra i loro pensieri più assidui c'é quello della ricerca dell'uomo ideale. Una ricerca che passa attraverso numerosi incontri occasionali, fatti per provare, sperimentare e anche un po' per divertirsi, prima di decidere. Un giorno, in seguito ad una fuga di gas nel proprio bagno, Imma conosce un pompiere di cui si innamora subito. In seguito lo cerca di nuovo e, per vederlo, manda a fuoco il salotto di casa. Allora tra i due nasce una storia d'amore ma, poco dopo, lui sparisce. Imma tuttavia va ancora alla sua caccia: quando apprende che è andato in Sicilia, va nell'isola, non lo trova, torna delusa a Genova ma decide di tenersi il bambino che sta aspettando da lui. Mentre é in casa sola e triste, all'improviso lo vede affacciarsi dalla finestra: insieme si allontanano tra palloncini che volano.

Valutazione Pastorale

Il film è tratto dal romanzo omonimo di Rossana Campo. Dovrebbe essere il ritratto di una ventenne di oggi, divisa tra postfemminismo, individualismo, incapacità di afferrare i sentimenti giusti. La prospettiva é sicuramente femminile, perché anche in regia c'é una donna, Anna Negri, che dichiara: " Questo è un film dove il sogno e il desiderio sono molto importanti e irrompono nel grigiore e nella fatica quotidiana. Forse questa storia dice che l'amore esiste solo nei sogni e nei film ma anche che senza queste cose si starebbe ancora peggio". Frasi sicuramente rispettabili, ma che vengono tradotte in uno svolgimento discontinuo, eccessivo, sopra le righe. Sembra che, al di là del realismo dei problemi, tutto sia il solito pretesto per mettere insieme una sfilza di comportamenti disinibiti, provocatori, facilmente pruriginosi. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come inaccettabile, e negativo per il modo confuso e artefatto con cui affronta i temi centrali della storia. UTILIZZAZIONE: il film é da escludere dalla programmazione ordinaria. Molto dubbio l'utilizzo anche in altre circostanze, sia pure mediate da opportuni supporti e contributi verbali.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film