INSIDIOUS

Valutazione
Complesso, superficialità
Tematica
Famiglia, Malattia, Psicologia
Genere
Drammatico
Regia
James Wan
Durata
103'
Anno di uscita
2011
Nazionalità
Stati Uniti
Distribuzione
Filmauro
Musiche
Joseph Bishara
Montaggio
Dennis Alaniz, Kirk Morri

Orig.: Stati Uniti (2010) - Sogg. e scenegg.: James Wan, Leigh Whannell - Fotogr.(Scope/a colori): David Brewer - Mus.: Joseph Bishara - Montagg.: Dennis Alaniz, Kirk Morri - Dur.: 103' - Produz.: Jason Blum, Steven Schneider, Oren Peli.

Interpreti e ruoli

Patrick Wilson (Josh Lambert), Rose Byrne (Renai Lambert), Ty Simpkins (Dalton Lambert), Barbara Hershey (Lorraine Lambert), Lin Shaye (Elise Rainier), Leigh Whannell (Specs), Angus Sampson (Tucker), Andrew Astor (Foster Lambert), Corbett Tuck (Adele), Heather Tocqigny (Kelly), Ruben Pla (dott. Sercarz), John Henry Binder . (padre Martin)

Soggetto

A causa di una caduta accidentale, il piccolo Dalton entra in coma, pur senza aver riportato traumi importanti. Nello stesso momento, strani fenomeni cominciano a verificarsi all'interno della casa. I genitori, Renai e Josh, decidono di traslocare ma anche nel nuovo appartamento le cose non cambiano. In loro aiuto arriva la madre di Josh, Lorraine che si rivolge ad una vecchia medium, Elise. Da quel momento comincia il percorso verso una verità imprevista.

Valutazione Pastorale

Thriller, parapsicologia, traumi infantili, storia di fantasmi, di incubi veri e presunti, horror a vari livelli: c'è tutto questo in un copione pieno di ambizioni e di pretese, che può essere riassunto nel 'drammatico' come il termine che più ingloba e sintetizza il taglio del racconto. Wan, malese cresciuto in Australia, ha ragione quando dice: "Vorrei che i fan si godessero il film per quello che é: una storia terrificante e inquietante vecchio stile, omaggio ai film con cui siamo cresciuti e che abbiamo amato, ma allo stesso tempo ricca di elementi non tradizionali". Non siamo ai bassi livelli di"Saw", e lo spettacolo è più abbordabile. Ma i temi (l'aldilà, la perdita di coscienza, i medium, ragione e follia...) rischiano di essere anche seri, e in questa ottica risultano trattati con qualche, eccessiva fretta. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come complesso e caratterizzato da superficialità.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria con molta attenzione per un pubblico che meno gradisce vicende incentrate sul paranormale. Stessa attenzione è poi da tenere per minori e piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di dvd e di altri supporti tecnici.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film