IO C’E’

Valutazione
Complesso, Problematico, dibattiti
Tematica
Gesù, Lavoro, Tematiche religiose
Genere
Commedia
Regia
Alessandro Aronadio
Durata
100'
Anno di uscita
2018
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
/////
Distribuzione
Vision Distribution
Soggetto e Sceneggiatura
Alessandro Aronadio, Renato Sannio, Edoardo Leo, Valerio Cilio Alessandro Aronadio, Renato Sannio, Edoardo Leo
Musiche
Santi Pulvirenti
Montaggio
Pietro Morana

Orig.: Italia (2017) - Sogg.: Alessandro Aronadio, Renato Sannio, Edoardo Leo - Scenegg.: Alessandro Aronadio, Renato Sannio, Edoardo Leo, Valerio Cilio - Fotogr.(Scope/a col.): Timoty Aliprandi - Mus.: Santi Pulvirenti - Montagg.: Pietro Morana - Dur.: 100' - Produz.: Fulvio e Federica Lucisano per Italian International Film con Vision Distribution.

Interpreti e ruoli

Edoardo Leo (Massimo), Margherita Buy (Adriana), Giuseppe Battiston ; Massimiliano Bruno (Marco), Massimiliano Bruno (Teodoro), Giulia Michelini (Teresa)

Soggetto

Alla morte del padre, Massimo riceve in eredità un 'bed and breakfast' ospitato in una fatiscente palazzina. Per uscire da una situazione che vede pochi incassi e molte tasse da pagare, Massimo pensa di trasformare il posto in un luogo di culto...

Valutazione Pastorale

Una piccola aggiunta va detta senza togliere niente allo svolgimento della trama: nel palazzo di fronte a quello del 'bed and breakfast' ce n'è un altro gestito da un gruppo di suore. Qui gruppi di giovani arrivano e soggiornano con grande frequenza, lasciano un'offerta e vanno via. Osservando questa situazione e verificandone lo squilibrio, Massimo pensa a fondare una nuova religione, che lui, partendo dalla personalizzazione dell'"io", chiama appunto 'ionismo'. Anche in questo caso si torna al rapporto tra religione e argomenti concreti, ma ancora una volta si resta sul terreno della commedia, su quello svolgimento tra lo scherzoso e il frivolo che mentre prova a far ridere, si fa in certi passaggi velenoso e pungente. L'attacco verso alcuni rappresentanti della Chiesa e i loro presupposti di fede scivola con frequenza nel gratuito, raggiungendo talvolta toni offensivi. Massimo si dimostra 'predicatore' valido e convincente, al punto che, quando capisce che ha perso il controllo e rivela la verità sulla sua fasulla 'religione', nessuno vuole crederci o rassegnarsi alla chiusura. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come complesso, problematico e adatto per dibattiti.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in successive occasioni come possibilità di affrontare temi non secondari nell'attuale dibattito sociale e religioso: per, come dichiarano gli autori, "esplorare il confine tra fede e creduloneria, tra cialtroneria e religione".

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film