Io sono Babbo Natale

Valutazione
Brillante, Consigliabile, Adatto ad una visione familiare
Tematica
Amore-Sentimenti, Bambini, Denaro, Famiglia, Famiglia - genitori figli, Natale
Genere
Commedia
Regia
Edoardo Falcone
Durata
95'
Anno di uscita
2021
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
Id.
Distribuzione
Lucky Red
Soggetto e Sceneggiatura
Edoardo Falcone
Fotografia
Maurizio Calvesi
Musiche
Michele Braga
Montaggio
Luciana Pandolfelli
Produzione
Lucky Red e Rai Cinema con 3 Marys

Interpreti e ruoli

Gigi Proietti (Nicola Natalizi), Marco Giallini (Ettore), Barbara Ronchi (Laura), Antonio Gerardi (Mauro), Simone Colombari (Walter), Daniele Pecci (Luciano)

Soggetto

Mattina di Natale, Ettore, come tutti i bambini, si sveglia impaziente e curioso di scoprire quali regali gli ha portato Babbo Natale. Corre in soggiorno ma, sotto l’albero, non trova nulla. Deluso e amareggiato, scrive una lettera di protesta e fa una promessa solenne….

Valutazione Pastorale

Esce i primi di novembre 2021 nelle sale italiane “Io sono Babbo Natale”, garbata commedia diretta da Edoardo Falcone (“Se Dio vuole”, 2015), che ci regala, a un anno dalla sua scomparsa, l’ultima interpretazione di Gigi Proietti. La Storia. Nella Roma dei nostri giorni incontriamo Ettore, (a cui presta la giusta dose di strafottenza e “cattiveria” il sempre bravo Marco Giallini), che ha appena scontato sei anni di prigione per rapina. Uscito dal carcere senza un soldo, a poche settimane dal Natale, cerca di contattare i suoi vecchi complici, ma questi, invece di ricompensare il suo silenzio, lo buttano letteralmente per strada. Anche la sua ex, dalla quale ha avuto una bambina, lo caccia in malo modo. Ettore si trova, così, a dormire su una panchina in un parco, e qui fa la conoscenza con un gentile e un po’ stravagante signore, Nicola Natalizi (Gigi Proietti, magnifico come sempre), che lo accoglie in casa e gli fa una rivelazione: dice di essere Babbo Natale. Per nulla convinto, ma privo di risorse com’è, Ettore accetta di fargli da assistente. Comincia così una girandola di avventure e magie, a volte un pizzico improbabili, con qualche difetto nella consequenzialità e un finale piuttosto prevedibile, ma perfettamente “logiche” nell’atmosfera “magica” che avvolge ogni vigilia di Natale. Molto belli e accurati gli effetti speciali che, come nelle migliori tradizioni del genere, ci permettono una fantastica trasvolata su Roma, Parigi e Londra a bordo della slitta di Babbo Natale. “Io sono Babbo Natale” è un film semplice e gradevole, pensato per una visione familiare, tutto giocato sulle interpretazioni dei due protagonisti. Proietti e Giallini, a loro agio in una sceneggiatura brillante e gustosa – firmata dallo stesso Falcone –, duettano magistralmente, cesellando due personaggi, certamente agli antipodi, ma entrambi pieni di umanità e dolente garbo. Ettore, ferito dalla vita che si protegge a suo modo con un atteggiamento disilluso e sarcastico; Nicola, che ne persegue tenacemente la “redenzione” mettendolo continuamente alla prova con la sua ingenuità e bontà. Il film si chiude con una dedica: “A Gigi”. In essa c’è tutta l’ammirazione e la nostalgia per un grandissimo attore che ci regalato, a teatro e al cinema, interpretazioni indimenticabili. Dal punto di vista pastorale il film “Io sono babbo Natale” è consigliabile, brillante e adatto a una visione familiare.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in successive occasioni anche come proposta per famiglie.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca Film - SerieTv
Ricerca Film - SerieTV