IO SONO TU

Valutazione
Futile, grossolanità
Tematica
Avidità, Bambini, Denaro, Famiglia, Lavoro, Matrimonio - coppia
Genere
Commedia
Regia
Seth Gordon
Durata
111'
Anno di uscita
2013
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Identity Thief
Distribuzione
Universal Pictures International Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Craig Mazin Craig Mazin, Jerry Eeten
Musiche
Christopher Lennertz
Montaggio
Peter Teschner

Orig.: Stati Uniti (2013) - Sogg.: Craig Mazin, Jerry Eeten - Scenegg.: Craig Mazin - Fotogr.(Scope/a colori): Javier Aguirresarobe - Mus.: Christopher Lennertz - Montagg.: Peter Teschner - Dur.: 111' - Produz.: Pamela Abdy, Jason Bateman, Scott Stuber.

Interpreti e ruoli

Jason Bateman (Sandy Patterson), Melissa McCarthy . (Diana), Amanda Peet (Trish Patterson), Jon Fasvreau (Harold Cornish), John Cho (Daniel Casey), Robert Patrick (Skiptracer), Eric Stonestreet (Big Chuck), Morris Chestnut (detective Reilly), Genesis Rodriguez (Marisol)

Soggetto

Tra le tante truffe che Diana escogita ogni giorno, c'è quella di clonare carte di credito, assumendo il nome del titolare. La cosa succede anche con l'ignaro Sandy, che da un momento all'altro viene ritenuto colpevole di furti e altri reati. Per scolparsi, Sandy parte alla ricerca di questa ignota signora. Deve affrontare un viaggio che si rivela pieno di imprevisti, incidenti, sorprese, prima che ogni equivoco venga appianato. E forse Sandy ha imparato a cambiare il proprio stile di vita.

Valutazione Pastorale

Si tratta di una commedia estremamente esile, incentrata su un canovaccio antico (gli equivoci ingenerati da un nome ambivalente tra maschile e femminile) rivisitato alla luce delle nuove tecnologie. Dal momento in cui lui e lei si incontrano, si comincia ad immaginare come andrà a finire: Diana, truffatrice dal cuore d'oro, e Sandy, prototipo dell'americano medio, litigano furiosamente per 100', salvo trovarsi sulla stessa linea nel finale, entrambi maturati e cresciuti per meglio districarsi nelle trappole della vita quotidiana. Una riconciliazione sul fronte del buonismo spinto e del ricorso a situazioni, scene, dialoghi,infarciti di scurrilità, grevità, volgarità varie. E' la chimica narrativa della nuova commedia americana. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come futile e segnato da numerose grossolanità.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare con molta cautela in programmazione ordinaria. Ma è uno dei casi in cui l'attenzone maggiore va riservata ai passaggi successivi, (televisioni varie, e dvd..,) nei confronti di minori e piccoli.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film