JOHNNY SUEDE

Valutazione
Inaccettabile, Squallido
Tematica
Genere
Drammatico
Regia
Tom Di Cillo
Durata
90'
Anno di uscita
1993
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
JOHNNY SUEDE
Distribuzione
Columbia Tri Star Films Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Tom Di Cillo
Musiche
Jim Rarmer, Link Wray
Montaggio
Geraldine Peroni

Sogg. e Scenegg.: Tom Di Cillo - Fotogr.: (normale/a colori) Joe De Salvo - Mus.: Jim Rarmer, Link Wray - Montagg.: Geraldine Peroni - Dur.: 90' - Produz.: Yoram Mandel, Ruth Waldburger

Interpreti e ruoli

Brad Pitt (Johnny Suede), Alison Moir (Darlette), Catherin Keener (Yvonne), Calvin Levels (Deke), Nick Cave (Freak Storm), Richard Boes, Cheryl Costa, Michael Luciano, Ralph Marrero, Wilfredo Giovanni Clark, Peter Mc Robbie, Ron Vawter, Dennis Parlato

Soggetto

Johnny Suede è un ragazzo, che vive, solo, nei quartieri poveri di New York, porta i capelli con un incredibile ciuffo a torre sopra la fronte, e aspira a diventare un musicista di successo, ma non ha vero talento, anche se compone qualche mediocre canzone. Il suo unico amico è un ragazzo di colore, Deke, col quale lavora saltuariamente (e molto mal volentieri) come imbianchino: quella è la loro sola fonte di guadagno. Una notte, proprio quando le calzature di Johnny sono troppo mal ridotte, gli piovono quasi addosso, gettate da chi sa chi, un paio di fantasiose scarpe in cuoio scamosciato, che lo entusiasmano, e subito se le mette ai piedi, soddisfattissimo. Poi il giovanotto s'innamora della bella Darlette, con la quale ha una breve, ma intensa relazione amorosa. La ragazza gli racconta che il suo fidanzato, Phil Doubt (un tipo dall'aria equivoca), la riempie spesso di botte. Dopo aver pensato di commettere con Deke un furto per far soldi, e aver rinunciato per mancanza di una pistola, Johnny, per pagare l'affitto del suo modesto alloggio, è costretto ad impegnare la chitarra; deve quindi accettare di nuovo l'odiato lavoro da imbianchino per riaverla. Darlette gli ha fatto sperare nell'aiuto di sua madre, mrs. Fontaine, che è produttrice di una casa musicale , e costei, per giudicare le possibilità del giovane, vorrebbe avere un nastro inciso da lui con le sue canzoni, ma poiché egli non ne ha neanche uno, forma con Deke e altri due ragazzi uno scadente quartetto, per lanciarsi nell'ambiente musicale. Dopo che madre e figlia Fontaine hanno litigato, rinfacciandosi a vicenda d'esser causa dell'abbandono del padre di Darlette, questa, più tardi, scaccia Johnny di casa, dicendogli che non lo ama, e lasciandolo assai deluso. Un giorno, sulla scala della metropolitana, Suede vede un cowboy molestare una ragazza, è Yvonne, donna attraente e intelligente, che si occupa di bambini ritardati, della quale s'innamora solo quando comprende quanto sia forte e sincera. Dopo molte esitazioni il giovane va a vivere con lei. Nel frattempo egli ha conosciuto Freak Storm, un cantante dall'aspetto vistoso, che promette di fargli incidere da un amico un nastro, e si fa dare in anticipo i soldi necessari. Ma poi se ne dimentica, e, del resto, Johnny non gli manda mai la cassetta con la sua canzone. La convivenza fra Johnny e Yvonne non sempre è felice: il giorno del compleanno del ragazzo, questi, dopo aver litigato con Deke, il quale lo ha piantato per un altro complesso, finisce col litigare anche con Yvonne, nonostante lei gli abbia preparato alcuni regali. I due arrivano a picchiarsi, e Johnny colpisce pesantemente la ragazza, poi se ne va. Trascorre la notte girovagando per la città, e comprende infine quanto quella sua immagine, che si è attentamente costruito, sia falsa. All'alba torna da Yvonne e le chiede scusa, ma non è chiaro se i due resteranno insieme. È certo però che Johnny ha imparato qualcosa su se stesso.

Valutazione Pastorale

questo film di Tom Di Cillo vuol mostrare i problemi di un giovane disadattato del mondo d'oggi, ma il cantante velleitario non può interessare più nessuno, perché è ormai un clichè. Il lavoro insiste nel rispecchiare un squallida realtà quotidiana, e certo tanti problemi i giovani di una grande metropoli americana li hanno realmente, ma la rappresentazione che qui ne viene data non è realistica. C'è molta ingenuità in questa vicenda dagli spunti grotteschi o surreali disturbato da una nutrita serie di parole volgari e di particolari squallidi. La regia non dà risultato all'insieme, e gli attori non sanno sostenere i loro ruoli, a cominciare dal protagonista Brad Pitt.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film