LA VITA E’ UNA COSA MERAVIGLIOSA

Valutazione
Brillante, Consigliabile
Tematica
Amicizia, Avidità, Denaro, Famiglia, Giustizia, Lavoro, Potere
Genere
Commedia
Regia
Carlo Vanzina
Durata
103'
Anno di uscita
2010
Nazionalità
Italia
Distribuzione
Medusa Film
Musiche
Armando Trovaioli
Montaggio
Raimondo Cruciani

Orig.: Italia (2010) - Sogg. e scenegg.: Enrico e Carlo Vanzina - Fotogr.(Panoramica/a colori): Carlo Tafani - Mus.: Armando Trovaioli - Montagg.: Raimondo Cruciani - Dur.: 103' - Produz.: Medusa Film

Interpreti e ruoli

Gigi Proietti (Claudio), Vincenzo Salemme (Antonio), Nancy Brilli (Elena), Enrico Brignano (Cesare), Luisa Ranieri (Laura), Emanuele Bosi (Enzo Rossetti), Virginie Marsan (Vanessa), Orsetta De Rossi (Federica), Sebastiano Lo Monaco (Terenzi), Yuliya Mayarchuk (Doina), Armando De Razza (Pignoli), Frank Crudele (il senatore), Maurizio Mattioli (Vittorio Manetti), Rodolfo Laganà (Gigi), Vincenzo Crocitti (Augusto Rossetti), Carlo Fabiano . (Luca)

Soggetto

Cesare, un poliziotto che si occupa di intercettazioni, ascolta Antonio, presidente di un grande gruppo bancario. Tra i personaggi che Antonio 'aiuta' c'è il proprietario di una clinica dove lavora Claudio, un chirurgo sposato con Elena, che finisce anche lui travolto dall'indagine. E rovinati dall'inchiesta sono anche Vanessa, figlia di Antonio, insieme a Marco, un giovane elettricista. E ugualmente resta coinvolta anche Laura, una massaggiatrice che si innamora di Cesare senza sapere che fa il poliziotto. Quando le cose sembrano mettersi male, ogni storia trova lo slancio per modificarsi e dare il giusto spazio alla felicità.

Valutazione Pastorale

Dice Enrico Vanzina: "Facciamo vedere gli italiani di oggi, a modo loro corrotti eppure in grado di ristabilire la loro dignità perduta. La nostra non é una tesi assolutoria. Nella tradizione di una certa commedia italiana, Carlo ed io abbiamo descritto con simpatia le debolezze dei nostri personaggi. Perché quelle loro debolezze sono le debolezzze di tutti. Le nostre". Il richiamo del titolo al proverbiale film di Frank Capra(con James Stewart) serve a dare la misura di come il racconto poggia soprattutto sull'interscambio tra realtà e favola. Certamente sono reali i piccoli/grandi episodi di corruzione, forse sono inventati i vari finali che tendono al riscatto. Di sicuro, tra i due estremi, si situa quell'impalpabile tocco onirico che é la commedia al cinema, quella capacità di far indignare e commuovere che i Vanzina ereditano dalla lontana tradizione italiana e prolungano all'oggi. Più contenuto, misurato rispetto ad esempi recenti, e affidato alle performance di attori di grande affidabilità, il film, dal punto di vista pastorale, é da valutare come consigliabile e nell'insieme brillante.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria e in seguito come esempio di commedia italiana ironica e grottesca.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film