L’ESTATE DI KIKUJIRO

Valutazione
Accettabile, problematico
Tematica
Amicizia, Bambini, Famiglia - genitori figli
Genere
Metafora
Regia
Takeshi Kitano
Durata
121'
Anno di uscita
1999
Nazionalità
Giappone
Titolo Originale
Kikujiro no natsu
Distribuzione
Bim Distribuzione
Musiche
Joe Hisaishi
Montaggio
Takeshi Kitano

Orig.: Giappone (1999) - Sogg. e scenegg.: Takeshi Kitano - Fotogr.(Panoramica/a colori): Katsumi Yanagishima - Mus.: Joe Hisaishi - Montagg.: Takeshi Kitano - Dur.: 121' - Produz.: Masayuki Mori, Takio Yoshida.

Interpreti e ruoli

Takeshi Kitano (Kikujiro), Yusuke Sekiguchi (Masao), Kayoko Kishimoto (moglie di Kikujiro), Kazuko Yoshikuyi (nonna di Masao), Yuko Daike (madre di Masao), Great Gidayu (grassone in bicicletta), Rakkyo Ide . (amico del ciclista)

Soggetto

E' estate. Il piccolo Masao non ha nessuno con cui giocare. Gli allenamenti di calcio sono sospesi e tutti i suoi amichetti sono partiti per la villeggiatura. La nonna con cui vive non é in grado di farlo divertire. Con l'aiuto di una fotografia e di un indirizzo, Masao pensa che potrebbe approfittare dell'occasione per andare alla ricerca della madre, che non ha mai conosciuto. Non può però andare da solo, e quando un'amica della nonna ascolta questo desiderio, chiede al marito Kikujiro di accompagnare il bambino. Kikujiro é un tipo dal carattere difficile, chiassoso, brusco, scostante, desideroso di guadagni facili e di vita comoda. I bambini non sembrano proprio fatti per lui, e così quando questa strana coppia si mette in viaggio, il rapporto tra i due si presenta abbastanza difficile. Gli imprevisti e gli incontri con personaggi stravaganti si susseguono numerosi: un pedofilo cerca di insidiare il piccolo; i due vanno in un albergo con piscina; chiedono passaggi lungo la strada; trascorrono la notte all'aperto. Quando arrivano all'indirizzo segnato, Masao vede da lontano una donna con altre persone, e capisce che la madre ha un'altra famiglia. Kikujiro cerca di rincuorarlo,arrivano ad un campeggio e qui con quattro persone vengono improvvisati spettacoli tradizionali. Poi viene ripresa la strada di casa. Tornati in città, i due dovrebbero lasciarsi. A questo punto Masao gli chiede: "Come ti chiami?", e lui: "Kikujiro. A casa, di corsa".

Valutazione Pastorale

Takeshi Kitano é uno degli esponenti di punta del recente cinema giapponese. Noto in patria anche per spettacoli televisivi, Kitano, quando fa un film, lo cura in tutte le parti: anche qui è autore del copione, attore protagonista, regista. Il personaggio che crea per sé stesso é spesso quello dell'uomo burbero e solitario, poco incline ai rapporti sociali, malinconico ma anche pronto a reagire con durezza, a fare uso di una violenza fredda e spietata. L'incapacità di relazionarsi con gli altri torna anche qui, ma in questo caso dall'altra parte non c'è un adulto, ma un bambino. Strutturata come un road-movie, la storia ne riprende i toni e i contrappunti. Così il viaggio tra due persone diversissime diventa occasione per conoscere meglio non solo l'altro ma soprattutto se stessi: e se questo vale per il bambino (che riversa sull'uomo la confusa sensazione del bisogno di un padre), tanto più vale per l'adulto. Al ritorno a Tokio, Kikujiro non é più lo stesso: qualcosa é scattato che lo rende più aperto agli affetti e alle emozioni. Kitano segue con occhio attento questi impercettibili mutamenti, e la sua regia ha, soprattutto nella prima parte e nel finale, toni visionari che danno alla vicenda sapori di una metafora più ampia, fuori dal tempo contingente. C'è grande voglia di comprensione, di apertura, di equilibrio interiore. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come positivo, accettabile, e problematico, per le possibilitò che offre di riflettere su vari temi, non ultimo quello del rapporto padre/ figlio. UTILIZZAZIONE: il film é da utilizzare in programmazione ordinaria come proposta anche di novità e di qualità. Da recuperare in occasioni mirate, come possibilità di confronto tra culture (Giappone/Europa; le tradizioni e la modernità; la famiglia).

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film