L’ULTIMO BOYSCOUT – MISSIONE: SOPRAVVIVERE

Valutazione
Inaccettabile, Violento
Tematica
Genere
Avventuroso
Regia
Tony Scott
Durata
105'
Anno di uscita
1992
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
THE LAST BOYSCOUT
Distribuzione
Warner Bros Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Shane Black Shane Black, Greg Hicks
Musiche
Michael Kamen
Montaggio
Mark Goldblatt, Mark Helfrich

Sogg.: Shane Black, Greg Hicks - Scenegg.: Shane Black - Fotogr.: (normale/a colori) Ward Russell - Mus.: Michael Kamen - Montagg.: Mark Goldblatt, Mark Helfrich - Dur.: 105' - Produz.: Joel Silver, Michael Levy

Interpreti e ruoli

Bruce Willis (Joe Hallenbeck), Damon Wayans (Jimmy Dix), Chelsea Field (Sarah Hallenbeck), Noble Willingham (Sheldon Marcone), Taylor Negron (Milo), Danielle Harris (Darian Hallenbeck), Bruce Mc Gill (Mike Matthews), Halle Berry, Badja Djola, Kim Coates, Chelsie Ross, Joe Santos, Bill Medley

Soggetto

Joe Hallenbeck vive a Los Angeles facendo il detective privato, mentre un tempo era uno dei più stimati agenti segreti (in un attentato ha perfino salvato la vita del Presidente americano) e poi ha perso il lavoro, avendo irretito un politico. Dopo che l'amico Mike Matthews lo ha incaricato per cinquecento dollari di proteggere una spogliarellista di colore (Cory), Joe scopre in lui l'amante di sua moglie Sarah (e con ciò lascia la donna e la piccola Darian). Con Joe in disfatta pressoché totale si incontra il nero Jimmy Dix, poiché Cory è stata uccisa. Anche Dix, un ex terzino della squadra degli Stallion senza prove attendibili accusato di giocare a carte e drogarsi si trova alla deriva ed è solo, avendo perduto moglie e bambino in un incidente d'auto. Joe e Jimmy scoprono che dietro il misterioso assassinio della bella Cory, opera una losca banda, agli ordini di un affarista e presidente sportivo Sheldon Marcone. La strana coppia ne scopre i traffici e le mire, con indagini spesso avvertite dalla stessa polizia, smascherando ricatti ed estorsioni, che minacciano le sorti del foot-ball americano, coinvolgendo anche il senatore Baynard. Agguati, sequestri (la piccola Joe) da parte di Marcone, inseguimenti mozzafiato con auto impazzite, spesso fatte saltare in aria e più due valigie simili tra loro una con moltissimi dollari, l'altra con una bomba ad orologeria che non finiscono nelle mani nei rispettivi destinatari, per cui Marcone rimane ucciso, mentre il Senatore si salva da morte sicura durante una partita degli Stallion al Coliseum di Los Angeles. I dollari vengono consegnati da Joe e da Jimmy alla polizia e costoro decidono di diventare soci nel loro lavoro di detective. Successivamente la moglie di Hallenbeck chiede perdono al consorte per il proprio tradimento e Darian riabbraccia felice il suo papà.

Valutazione Pastorale

Un film avventuroso e di stampo commerciale. A parte la spericolatezza ed il ritmo di scontri e fughe, il lavoro è basato sulla violenza fine a se stessa. L'ultimo scout (l'attore Bruce Willis, degradato ad attestare una vita precaria e turbolenta) reagisce bene e scatta con intelligenza di fronte ad innumerevoli rischi, dando agli avversari percosse che vanno a segno, ma anche incassando colpi memorabili. Il co-protagonista Damon Wayans gli fa da spalla, condividendo l'onere dei pugni e delle sparatorie. A tratti la fotografia raggiunge rimarchevoli effetti.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film